Peste suina e divieti, la Liguria scrive a Draghi: "Subito ristori adeguati"

Peste suina e divieti, la Liguria scrive a Draghi: Subito ristori adeguati
GenovaToday INTERNO

Vietate anche le 'attività di interazione diretta o indiretta con i cinghiali infetti'.

"La situazione della peste suina sta destando grande preoccupazione - afferma Toti - soprattutto alla luce di un grande mercato italiano di export della carne di maiale che vale 6 miliardi di euro.

Per questo è fondamentale che il governo intervenga tempestivamente per ristorare adeguatamente le attività coinvolte da tali disposizioni, già duramente colpite dagli effetti devastanti dell’emergenza pandemica

“È fondamentale - aggiunge il vicepresidente Piana - sensibilizzare i Comuni dell’area interessata per garantire una corretta informazione alla popolazione. (GenovaToday)

Ne parlano anche altri giornali

Si tratta della peste suina africana. Il problema sanitario della peste suina riporta all’ordine del giorno la necessità di interventi di contenimento, dice Antenore Cervi, presidente provinciale di Cia. (Reggionline)

Il provvedimento prevede il divieto di ogni attività venatoria, salvo la caccia selettiva al cinghiale, nella zona stabilita come infetta da Peste Suina Africana, ossia 114 Comuni di cui 78 in Piemonte (tutti in provincia di Alessandria) e 36 in Liguria. (newsbiella.it)

Nella zona stabilita sono vietate le attività venatorie, la raccolta dei funghi e tartufi, la pesca, il trekking, il mountain bike e le altre attività di interazione diretta o indiretta coi cinghiali infetti. (TUTTOBICIWEB.it)

Peste suina africana tra cinghiali e maiali, Coldiretti Puglia: "servono misure urgenti per contrastare la malattia" -

Sei già registrato o abbonato? ACCEDI Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento Tutti i contenuti del sito 1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori (Il Mattino di Padova)

Da qui sono partite una serie di iniziative di formazione e informazione sulla gestione delle emergenze epidemiche di peste suina africana. A cominciare dai corsi di formazione organizzati dall’assessorato al diritto alla salute in collaborazione l’assessorato all’agricoltura e le Asl toscane, su base provinciale, rivolte a cacciatori, ATC e polizie provinciali. (La Voce Apuana)

E’ possibile scriverci anche via Whatsapp ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui La Peste Suina Africana – sottolinea la Coldiretti – può colpire cinghiali e maiali ed è altamente contagiosa e spesso letale per questi animali, ma non è, invece, trasmissibile agli esseri umani. (Puglia Reporter Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr