"Che se dovemo bacia'?": la classe di Giorgia Meloni mentre fa le foto con Letta | VIDEO

Che se dovemo bacia'?: la classe di Giorgia Meloni mentre fa le foto con Letta | VIDEO
neXt Quotidiano INTERNO

Meloni e Letta si incontrano alla Casa del Cinema di Roma per la presentazione del libro “Razza Poltrona” di Fabrizio Roncone.

Un andirivieni durato fino al verace intervento della leader tricolore che in pieno stile capitoli risponde “Che se dovemo bacia’?”.

“Che se dovemo bacia’?”: la classe di Giorgia Meloni mentre fa le foto con Letta.

Ha detto il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni alla presentazione del libro

Ecco allora che l’operatore coglie l’attimo e chiede a Letta e Meloni di avvicinarsi, per scattare un bella foto da quadretto. (neXt Quotidiano)

Su altre testate

con Letta sull'alleanza elettorale "per sconfiggere la destra, ma niente bipolarismo" di Matteo Pucciarelli. Il capo politico del Giuseppe Conte (ansa). Chi è più vicino a Conte tranquillizza: la costruzione di una coalizione con i dem e sinistra è in corso, ma le "fusioni a freddo" e lo schematismo politico non appassionano né l'ex premier né il gruppo dirigente del partito (la Repubblica)

Enrico Letta spera in un successo dei candidati sindaci del Pd, Giorgia Meloni in un boom delle sue liste di partito. Luca Zaia naturalmente risponde per le rime, ma evita (almeno finora) di consumare quello strappo che invece è nell’aria. (AlessioPorcu.it)

Lo spauracchio del ‘Governo del Presidente’. Letta e Meloni sembrano ben consapevoli che il rischio irrimediabile può provenire solo dalle ‘scintille’ fra Conte e Salvini. Dunque i leader del Pd e di Fdi sono pronti a vigilare che non si consumino strappi troppo violenti né nel governo, né nello schieramento di destra. (Proiezioni di Borsa)

Enrico Letta pur di evitare le urne mette i bastoni tra le ruote a Mario Draghi nella corsa al Quirinale

Un colpo di spugna ha cancellato dalla memoria le firme sui decreti Salvini, le rivendicazioni reiterate di sovranismo e populismo. Nella congiuntura emergenziale che la politica attraversa, i calcoli di potenza troppo semplici rischiano di urtare contro degli scogli resistenti (Il Riformista)

«Se il Pd deciderà di spingere per una politica di forte rivendicazione dei diritti sociali, lavoro scuola, salute, case, i voti pioveranno», il rimprovero del Professore in una intervista alla Non è bastata neppure la spinta di Romano Prodi, padre politico di Enrico Letta insieme a Nino Andreatta, a far virare il segretario del Pd verso la battaglia sui temi sociali. (Il Manifesto)

Come dire: meglio per Letta tenersi un boccone anche indigesto piuttosto che pagare subito un conto salato. Ma il bello della vicenda è che, nel frattempo, il Partito democratico continua a criticare il leghista Salvini per lo stesso motivo: anche lui viene accusato di avere un comportamento a zig-zag nei confronti del governo Draghi (LiberoQuotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr