Naufragio Costa Concordia, l’ambiente del fondale marino del Giglio è in fase di recupero

Naufragio Costa Concordia, l’ambiente del fondale marino del Giglio è in fase di recupero
Rinnovabili INTERNO

anni dal naufragio della Costa Concordia, una nota dell’Ispra mostra che il recupero dell’ambiente del fondale marino di fronte all’Isola del Giglio va meglio del previsto e si vedono risultati positivi. Di Rvongher / Wikimedia Commons – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18045701. di Andrea Barbieri Carones. (Rinnovabili.it) – L’ambiente del fondale marino di fronte all’Isola del Giglio è in fase di ripristino e, secondo gli esperti, la situazione è migliore di quanto preventivato. (Rinnovabili)

La notizia riportata su altre testate

E’ il momento delle gite in motoslitta nella foresta e sul mare ghiacciato e delle escursioni sugli sci di fondo. Se volete cucinare i piatti sami andate invece nel piccolissimo villaggio di Liehittäjä nell’entroterra a nord del Golfo di Botnia. (LaPresse)

Il pianto del bimbo in qualche modo li ha aiutati a salvarsi, se fossero rimasti in camera, tutto sarebbe crollato su di loro. Era a bordo della nave, Antonella, con il marito Sergio e i due figli gemelli di tre anni e mezzo, Emanuele e Samuele. (Vatican News)

A distanza di 10 anni dal dramma della Costa Concordia, ricordiamo tutte le vittime e continuiamo a chiedere che non ci siano sconti di pena o 'misure alternative' per chi è stato condannato per le responsabilità nel naufragio". (Ansa)

Dieci anni fa il naufragio della Costa Concorda, Alberobello ricorda il sacrificio estremo di Giuseppe: "Fu un eroe, merita una medaglia d'oro"

I fondi potrebbero essere dirottati verso altre strutture della Provincia “Già a febbraio del 2021 erano quindi evidenti i dubbi sulla costruzione di una scuola in una zona distante dal centro abitato. (Sardegna Reporter)

Comunicato stampa 14 gennaio , Detenzione M/N Amira Joy Capitaneria di porto di Olbia. DETENUTA IN PORTO LA NAVE “AMIRA JOY”. GRAVI IRREGOLARITÀ E PERICOLO A BORDO, LA NAVE “AMIRA JOY” DETENUTA NEL PORTO INDUSTRIALE DI OLBIA DALLA GUARDIA COSTIERA. (Sardegna Reporter)

"Ho raccontato ai bambini di questo gesto di Giuseppe Girolamo dopo alcuni anni - conclude - perché all'inizio stavamo malissimo tutti, anche i bambini hanno vissuto il trauma" E' giusto conferire la medaglia al valore a questo ragazzo perché ha dato la sua vita per gli altri e per i bambini. (BariToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr