Servizi segreti, "spia cinese infiltrata in Parlamento": una bomba, ecco il nome della talpa

Servizi segreti, spia cinese infiltrata in Parlamento: una bomba, ecco il nome della talpa
Per saperne di più:
Liberoquotidiano.it ESTERI

L'MI5, l'intelligence interna britannica, ha riferito che Christine Ching Kui Lee ha "stabilito contatti" tra il Partito comunista cinese (Pcc) e alcuni attuali e aspiranti deputati in Parlamento.

Si tratta, ha detto Duncan Smith, di una "questione di grave preoccupazione".

13 gennaio 2022 a. a. a. Servizi segreti inglesi in allarme: un'agente cinese sotto copertura si è infiltrata nel Parlamento di Westminster per interferire nella politica britannica. (Liberoquotidiano.it)

Su altri giornali

E no: in questo caso il primo ministro Boris Johnson e lo scandalo ribattezzato Partygate che rischia di travolgerlo non c'entrano. Il rischio infiltrazioni nelle università. Più in generale, le preoccupazioni rispetto allo spionaggio cinese su territorio britannico sono andate aumentando negli ultimi anni, specie in relazione ad Hong Kong ma non solo. (Sky Tg24 )

Secondo quanto rivelato dai media del Regno Unito, si tratta di una legale basata a Londra molto ben inserita nell'establishment britannico. In realtà, però, si trattava di una spia che operava per conto del Partito comunista cinese. (leggo.it)

Christine Lee, l’avvocato anglo-cinese accusata di essere spia di Pechino nel Parlamento inglese Christine Lee è stata indicata dai servizi segreti di sua maestà come possibile spia cinese infiltrata nelle istituzioni britanniche per interferire nella politica di Londra. (Fanpage.it)

Spia cinese infiltrata in Parlamento: «Ha stabilito legami e finanziato i deputati»

Un’agente cinese si è infiltrata nel Parlamento britannico per interferire nella politica del Regno Unito. A comunicarlo a Westminster è stato l’MI5, l’ente per la sicurezza e il controspionaggio del Regno Unito, che ha emesso un raro avvertimento ai parlamentari britannici. (Open)

Si tratta di una stimata avvocatessa cinese basata a Londra, perfettamente inserita ai massimi livelli dell'establishment britannico. Perciò hanno emesso un raro avvertimento ai parlamentari britannici comunicando che una agente cinese si è infiltrata a Westminster per interferire nella politica del Regno Unito. (ilmattino.it)

La Cina respinge le accuse sei servizi segreti britannici, secondo cui una spia cinese si sarebbe infiltrata nel parlamento di Londra per interferire nella politica del Regno Unito, affermando che "gli individui potrebbero aver guardato troppi film di 007 e creato troppe associazioni non necessarie". (L'Unione Sarda.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr