Domino’s Pizza: chiusi i punti vendita in Italia

Corriere della Sera ECONOMIA

Nei documenti pubblicati sul sito di Domino’s Italia, curati dallo studio legale LCA di Milano, si parla di circa 600 creditori per ePizza, soprattutto commerciali (ad esempio i fornitori).

Nel giro di pochi anni i punti vendita diventano in totale 29 in giro per l’Italia, da Parma a Roma.

La storia di Domino’s Italia. Domino’s è arrivato in Italia nel 2015.

L’annuncio ufficiale da parte dell’azienda non c’è, ma in Italia le chiusure a catena — da Milano a Parma — ne fanno intendere la crisi. (Corriere della Sera)

Su altre fonti

L'articolo Pecoraro Scanio “Conte coraggioso su ambiente e legalità” sembra essere il primo su (Sardegna Reporter)

Così Alessandro Condurro, amministratore della Michele in the world e segretario dell’Unione Pizzerie Storiche «Le Centenarie», esprime il proprio dispiacere per le attività commerciali della catena che hanno definitivamente abbassato la propria saracinesca. (Corriere della Sera)

Ecco perchè aderiamo all’appello lanciato dall’onorevole Pecoraro Scanio promotore di #pizzaUnesco. E’ bello vedere che la legittima soddisfazione per una vittoria sul libero mercato contro la pizza all’ananas si è accompagnata alla giusta preoccupazione per chi ha perso il lavoro”, commenta Pecoraro Scanio (Italpress)

Per questo Domino’s Pizza ha deciso di chiudere i battenti di tutti i suoi punti vendita in Italia. Domino’s Pizza, le pizzerie in Italia dal 2015. Bloomberg riporta che la società aveva 10,6 milioni di euro di debiti alla fine del 2020, secondo gli ultimi rapporti annuali certificati. (Blitz quotidiano)

L’epilogo di Domino’s Pizza ricalca l’esperimento finito male delle ciambelle americane di Dunkin’ Donuts La lotta per conquistare “i clienti esigenti” nella patria della pizza, a colpi di “Honolulu hawaiian” (pomodoro, mozzarella, scamorza affumicata, prosciutto cotto, bacon, ananas e peperoni) e “Meatzza” (salsa Domino’s, mozzarella, salame piccante, prosciutto cotto, wurstel, hamburger, salsiccia), è terminata per il colosso americano con una sonora sconfitta. (la voce d'italia)

Ecco perchè aderiamo all'appello lanciato dall'onorevole Pecoraro Scanio promotore di #pizzaUnesco. (ITALPRESS) - In poche ore hanno aderito all'appello lanciato l'11 agosto da Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde e promotore del riconoscimento #pizzaUnesco e già ministro, per aiutare gli ex dipendenti di Dominòs pizza fallita in Italia (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr