Salvini liquida il caso Durigon: “Più che bufera è un venticello, non c’è neanche un…

Salvini liquida il caso Durigon: “Più che bufera è un venticello, non c’è neanche un…
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Il caso sta creando infatti non pochi imbarazzi tra i partiti che sostengono la larghissima maggioranza del governo Draghi.

Oggi è intervenuto soltanto il responsabile Enti locali della segreteria dem Francesco Boccia: “Penso serva fare chiarezza e che sia bene fare un chiarimento immediato” sul video che ha coinvolto il sottosegretario, ha dichiarato a Rainews24.

Nel centrodestra, invece, per ora si segnalano solo (pochi) interventi a favore di Durigon: “Il Movimento 5 Stelle si indigna a corrente alternata

“Parliamo di vita vera, qui non c’è neanche un indagato. (Il Fatto Quotidiano)

Ne parlano anche altri giornali

L’oggetto della nostra domanda era la polemica scaturita in seguito al discorso di Fedez sul palco del concertone del Primo Maggio ( IL DISCORSO DI FEDEZ - COSA PREVEDE IL DDL ZAN ). “La libertà delle persone di comportarsi come credono, finché ciò non lede i diritti altrui e anche la libertà di esprimersi, finché questo non lede i diritti altrui. (Sky Tg24 )

È quello pronunciato da Fedez dal palco del primo maggio trasmesso in diretta su Rai3. Dopo un appello rivolto al premier Draghi, invitato da Fedez a occuparsi anche dei lavoratori dello spettacolo, il discorso si sposta proprio sul ddl Zan. (Today.it)

«LE PAROLE del sottosegretario Durigon – aveva detto Saitta – destano sconcerto e inquietudine Claudio Durigon era stato finora un uomo molto fortunato. (Il Manifesto)

Cosa c'è dietro il video di Durigon sulle indagini sulla Lega e perché c'è chi chiede le sue dimissioni

politica. 'Il video registrato da chi ha avuto problemi con la giustizia' accusa il leader del Carroccio riferendosi all'inchiesta che riguarda il sottosegretario all'Economia del Carroccio che - in un filmato -parla di un generale della guardia di finanza 'messo dalla Lega' (TG La7)

Le parole di Fedez pronunciate ieri da piazza San Giovanni non hanno lasciato indifferente la Lega, tirata in causa nel discorso del cantante sul palco del Concertone del Primo Maggio. I pro vita: «Fedez non può dire il ca**o che gli pare». (Open)

La frase "Quello che fa le indagini sulla Lega lo abbiamo messo noi" si riferisce alla vicenda dei 49 milioni e alla Lombardia Film Commission. (Today.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr