Johnson: "Parigi riprenda i migranti che traversano la Manica" - Associazione L'agone Nuovo

L'agone ESTERI

Londra è complice”, l’accusa che si legge sui cartelli, a due giorni dal tragico naufragio nella Manica, costato la vita ad almeno 27 persone.

Il naufragio di mercoledì è il più grave dall’intensificarsi di traversate nella Manica, iniziato tre anni fa

Cruciale, soprattutto un accordo immediato con cui Parigi si impegni a riprendere i migranti, arrivati nel Regno Unito.

E in transito, si dicono in effetti la maggior parte dei migranti presenti a Calais (L'agone)

Se ne è parlato anche su altri media

Sono passati all’azione dopo settimane di proteste per le difficoltà poste dalla Gran Bretagna nel dopo-Brexit alla concessione delle licenze di pesca. Un’escalation imprevedibile, poi lo strappo: tra Francia e Gran Bretagna la tensione cresce di ora in ora. (America Oggi)

“Almeno 744 persone migranti – ha ricordato – hanno perso la vita in Europa dal 2014, quasi 200 delle quali nel tentativo di attraversare il Canale. L’Unicef è pronto a intensificare la sua azione con i governi, le organizzazioni delle Nazioni Unite e le istituzioni dell’Ue per fornire urgentemente sostegno umanitario e protezione ai bambini migranti” (Servizio Informazione Religiosa)

Calais, il giorno dopo la tragedia della Manica che ha visto morire 27 persone è ancora sotto shock: “È la prima volta che ci sono così tanti morti insieme nella Manica”. “Da vent’anni ci sono persone che muoiono ma sono sempre stati casi isolati”, racconta ancora don Louis-Emmanuel. (Servizio Informazione Religiosa)

Il premier britannico ha reso pubblica via twitter una lettera all'omologo francese in cui chiede a Parigi di riprendersi i migranti che attraversano illegalmente. Darmanin ha definito la lettera del premier britannico "una delusione" (Il Sole 24 ORE)

A seguito della pubblicazione di questo messaggio, Parigi ha deciso di cancellare la visita del ministro degli Interni britannico Priti Patel all’incontro previsto per domenica con gli altri Paesi europei sul tema dei migranti. (laredazione.eu)

Solo una risposta coordinata, efficace e duratura può prevenire la perdita di ulteriori vite umane Almeno 27 persone, tra cui donne e minori, hanno perso la vita nel tentativo di traversata lungo una delle rotte marittime più pericolose al mondo". (La Difesa del Popolo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr