Colomba su Bellugi: “Persona speciale. Era un difensore con doti incredibili”

Colomba su Bellugi: “Persona speciale. Era un difensore con doti incredibili”
Tuttobolognaweb SPORT

Anche Bearzot in Argentina lo volle pure per fare gruppo e tenere alto il morale.

Franco Colomba è stato compagno di squadra di Mauro Bellugi nel Bologna e lo ha ricordato a Tutto Mercato Web con queste parole:. “Perdiamo una persona speciale, la sua simpatia era contagiosa nello spogliatoio.

Aveva poi doti incredibili, era un difensore centrale con piedi da trequartista.

Era davvero eccezionale. (Tuttobolognaweb)

Su altri giornali

Boninsegna ricorda Bellugi: "Se n'è andato un amico, martedì l'ho sentito un po' rassegnato". vedi letture. Roberto Boninsegna, intervistato dall'edizione odierna de Il Giornale ha voluto ricordare Mauro Bellugi: "Lui aveva gran forza di carattere. (TUTTO mercato WEB)

Un'emozione anche se non è una cosa che amo" Facevamo spesso il torello prima di ogni allenamento e c'era grande armonia nel gruppo anche grazie a Bellugi". (Torino Granata)

English Version Versi Bahasa Indonesia 日本語版 Versión Española I suoi capelli lunghi, la maglia nerazzurra con la stella, il suo sguardo inconfondibile. (Inter Sito Ufficiale)

Bellugi, un combattente tenero

Sino a quando sfuggiì a Bellugi, impeccabile per tutta la gara, che lo atterrò a un quarto d’ora dalla fine. Eppure in quella stagione, ‘79/80, Mauro Bellugi lasciò il segno. (Il Mattino)

Dopo essere stato contagiato dal Covid lo scorso novembre, l’ex azzurro era stato colpito da una trombosi. Gli erano state amputate entrambe le gambe. Mauro Bellugi, ex calciatore di Inter, Napoli, Bologna e Pistoiese, è morto a 71 anni. (Calcio Hellas)

Morto Mauro Bellugi, a novembre gli erano state amputate le gambe per il Covid 20 Febbraio 2021. Chiamammo la figlia Giada, gentilissima. Si era saputo da qualche ora che Mauro Bellugi aveva subìto l'amputazione di entrambe le gambe, lo aveva comunicato sui social un suo amico che è anche un bravissimo giornalista, Luca Serafini. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr