Due condanne a Torino, per la Maestra vittima di revenge porn licenziata

Due condanne a Torino, per la Maestra vittima di revenge porn licenziata
ilFormat INTERNO

Due condanne a Torino, per la Maestra vittima di revenge porn licenziata. Il Tribunale di Torino ha pronunciato due condanne per il caso della maestra d’asilo che nel 2018 perse il posto di lavoro dopo la diffusione non voluta di immagini intime.

Ma almeno con questa sentenza è emersa la verità”, ha detto la vittima commentando le condanne pronunciate dal Tribunale di Torino.

Questa storia è stata raccontata fin troppo bene, senza molti dettagli, le scuse posso anche accettarle ma non me ne faccio niente”

“Quel che è fatto è fatto e il danno non si cancella. (ilFormat)

La notizia riportata su altre testate

Una ragazza ventenne è stata costretta improvvisamente a lasciare il proprio posto di lavoro, maestra in un asilo di Torino. Processo maestra asilo: quali sono state le dinamiche? (Informa-press)

La giovane insegnante perse il posto di lavoro dopo la diffusione non consenziente di alcune sue foto intime. Maestra vittima di revenge porn nel Torinese: la ricostruzione della vicenda. La vicenda risale al marzo del 2018. (Improntaunika.it)

Dopo il processo, la maestra ha commentato: “Quel che è fatto è fatto, e il danno non si cancella, ma almeno con questa sentenza è emersa la verità La maestra fu quindi vittima due volte: inizialmente del Revenge Porn messo in atto dal suo ex fidanzato, quindi del giudizio di persone che non la vedevano come una vittima ma come una complice. (CheDonna.it)

Maestra licenziata dopo revenge porn: condannata la preside

Sono le condanne decise stamattina dal Tribunale di Torino al processo sul caso di revenge porn (all’epoca dei fatti non ancora reato in Italia, lo è da agosto 2019), che ha come protagonista una maestra d’asilo del Torinese. (Gazzetta del Sud)

- oumaimael__ : RT @nada_aknn: Il a osé Cyril Hanouna ?? VIDEO Ineos rischia di speronare Luna Rossa in partenza! (Zazoom Blog)

Ma l’ex non era stato il solo a divulgarle: a contribuire alla loro divulgazione era stata anche la moglie di un amico dell’ex compagno della maestra, nonché mamma di una delle alunne della maestra. "Siamo tutti cattivi in una storia raccontata male", ha commentato la preside per tentare di giustificarsi. (Quotidianpost.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr