Una festa nella cava tra nove giovani, poi il volo nel burrone con la ruspa: una notte folle

Una festa nella cava tra nove giovani, poi il volo nel burrone con la ruspa: una notte folle
TrentoToday INTERNO

Tutti coloro che si sono intrufolati all'interno della cava potrebbero vedersi contestare il reato di invasione di terreni (art.

I giovani soccorsi non sono in pericolo di vita

I ragazzi che si trovavano sul mezzo sono usciti prima che lo stesso finisse la sua corsa, diverse decine di metri più in giù.

L'altro reato che potrebbero vedersi contestare i giovani che invece sono saliti a bordo del mezzo scavatore è quello del furto d'uso (art. (TrentoToday)

Se ne è parlato anche su altre testate

Prima la festa, poi la tragedia sfiorata con la ruspa rubata che precipita per 300 metri: erano in 9 i giovani nella cava. Sul posto, nella notte, un enorme dispiegamento di soccorritori, pompieri, forze dell'ordine. (il Dolomiti)

Probabilmente i 5 giovani ventenni dopo aver bevuto una buona dose di alcol, si sentivano annoiati e hanno voluto provare nuove emozioni dimostrando magari ai coetanei di essere più «bravi» di tutti. A raccontarla quando usciranno dall’ospedale saranno anche questi sciagurati giovani che possono ringraziare qualcuno in alto di essere ancora vivi. (la VOCE del TRENTINO)

Le sue condizioni destano preoccupazione Uno dei ragazzi, il più grave, è stato trasportato in elicottero al Santa Chiara. (Trentino)

Rubano una ruspa e precipitano per 150 metri. La "bravata" di un gruppo di giovani rischia di finire in tragedia

Sul posto il Tecnico di Elisoccorso, supportato dagli altri soccorritori, ha stabilizzazione, imbarellamento e caricato sull'elicottero il ragazzo che ha riportato lesioni più gravi e che è stato elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento. (TrentoToday)

Sono 5 i ragazzi coinvolti questa notte in un momento di vera e propria follia che poteva finire in tragedia. Interviene l'elisoccorso, in tre trasportati al Santa Chiara. E' successo nella zona di Gazzadina ed è servito il dispiegamento di una macchina di soccorsi imponente che ha lavorato dalle tre di questa notte fino all'alba. (il Dolomiti)

Una goliardata - hanno ricostruito i carabinieri di Trento - che però è costata cara ai due giovani, che per un errore di manovra sono scivolati per circa 150 metri lungo i «gradoni» della cava. Due dei giovani, entrambi ventenni, sono saliti su una ruspa parcheggiata all’interno dell’area e, trovando le chiavi sul mezzo, lo hanno messo in moto. (Il Giornale di Vicenza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr