Addio veti e tagli ai film, "censura cinematografica abolita definitivamente"

Addio veti e tagli ai film, censura cinematografica abolita definitivamente
L'HuffPost CULTURA E SPETTACOLO

Così il Ministro della cultura, Dario Franceschini, che ha firmato il decreto che istituisce la Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche presso la Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura con il compito di verificare la corretta classificazione delle opere cinematografiche da parte degli operatori.

La Commissione è presieduta dal Presidente emerito del Consiglio di Stato, Alessandro Pajno, ed è composta da quarantanove componenti che sono stati scelti tra esperti di comprovata professionalità e competenza nel settore cinematografico e negli aspetti pedagogico-educativi connessi alla tutela dei minori o nella comunicazione sociale, nonché designati dalle associazioni dei genitori e dalle associazioni per la protezione degli animali

“Abolita la censura cinematografica, definitivamente superato quel sistema di controlli e interventi che consentiva ancora allo Stato di intervenire sulla libertà degli artisi”. (L'HuffPost)

La notizia riportata su altri media

I film più censurati in Italia, tra scandali e tagli (Di mercoledì 7 aprile 2021) In occasione del nuovo decreto Franceschini che abolisce definitivamente la censura cinematografica, facciamo un excursus sui film che più hanno subìto la scure censoria nella storia del cinema in Italia. (Zazoom Blog)

Condividi. Inizia. Puoi selezionare il secondo di avvio del contenuto che vuoi condividere. Posiziona il player nel punto in cui vuoi avviare la selezione e poi premi la spunta di Inizia. (Radio Radicale)

Il ministro della Cultura italiano, Dario Franceschini, ha appena annunciato la fine della censura cinematografica in Italia, Lo ha annunciato l’Agence France-Presse. Pasolini, Visconti …. Fondata nel 1914, questa censura ha conferito ad alcuni film lo status di veri martiri del cinema, ad esempio Salo o 120 giorni di Sodoma Di Pasolini. (BarSport.Net)

Abolita la censura cinematografica, ma sul web si vede di tutto

Come se entrasse in scena quando ormai lo spettacolo è finito e il sipario arrotolato. Molto bene: il ministro Dario Franceschini ha abolito per decreto la commissione che censura le opere cinematografiche. (Il Dubbio)

Un intervento ai sensi della Legge Cinema che introduce il sistema di classificazione e supera definitivamente la possibilità di censurare le opere cinematografiche: non è più previsto il divieto assoluto di uscita in sala né di uscita condizionata a tagli o modifiche. (Adnkronos)

Il ministro Franceschini plaude alla morte della censura per i film cinematografici, ma ignora la pornografia su web accessibile ai minori e l’Agcom tace rispetto all’operato arbitrario di piattaforme come YouTube, Facebook, Google. (Key4biz.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr