Vaccini agli ultraottantenni, si parte. Anzi no

Vaccini agli ultraottantenni, si parte. Anzi no
LA NAZIONE INTERNO

La maggioranza, invece, ha trovato inaccessibile il portale della Regione dove dovevano comunicare la lista delle persone da vaccinare.

Insomma il caos totale, nonostante sabato la Asl abbia istruito proprio all’ospedale Versilia i medici di famiglia nel preparare i vaccini

Ma complice il caos che regna nella distribuzione dei vaccini, solo una piccola parte di medici potrà iniziare ad inoculare la prima dose. (LA NAZIONE)

La notizia riportata su altri giornali

In questo caso potrà essere facoltà del datore, qualora si trovasse nell’impossibilità di adottare il lavoro agile, di interdire temporaneamente il dipendente. Viene lasciata al datore di lavoro la possibilità di ricorrere all’utilizzo di test antigenici quale ulteriore salvaguardia del posto di lavoro. (7GrammiLavoro)

Gli altri tre siti individuati, invece, presentavano un medicinale di origine cinese vantante asserite proprietà terapeutiche contro Covid-19, risultato essere, dopo le opportune verifiche dell’Aifa, sprovvisto di autorizzazione all’immissione in commercio. (RIFday)

"Dal 18 febbraio sono iniziate le prenotazioni per i docenti e per il corpo scolastico di scuole e università. La Regione, per quella fascia di categorie, spera di avere l'ok per il vaccino Johnson and Johnson che dovrebbe essere disponibile per quel periodo" (AgoraVox Italia)

Bollettino vaccini covid oggi 22 febbraio/ 1.3 milioni di immunizzati

A Modena il 90% dei medici di base si è già sottoposto a vaccino, quindi salvo particolari situazioni sanitarie sono già tutti in grado di vaccinare i propri assistiti – Scatta l’ora x per il personale scolastico di ogni ordine e grado: da oggi potrà prenotare il vaccino anti covid AstraZeneca. (modenaindiretta.it)

Fa eccezione Rimini che ha la capacità di vaccinare oltre 400 persone al giorno. In Romagna da martedì, primo giorno della campagna vaccinale partita per gli over 85, a sabato, è già stata somministrata la prima dose a oltre 8.200 anziani. (il Resto del Carlino)

Sale a quota 365mila invece il numero di ospiti nelle Rsa, con gli over 80 che invece hanno superato le 246mila unità. Nel documento finale redatto dopo l’incontro si legge che “Il meccanismo sta andando troppo a rilento, il problema adesso risiede nell’approvvigionamento delle dosi, che dipende dal Governo” (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr