Codogno un anno dopo, una lunga scia di dolore: in 12 mesi 608 morti

Codogno un anno dopo, una lunga scia di dolore: in 12 mesi 608 morti
Adnkronos INTERNO

(Adnkronos). E’ stato un 2020 di sofferenza e dolore a Codogno, che nell’anno della pandemia ha registrato un numero di decessi superiore allo stesso periodo del 2019.

Nella prima parte dell'anno, da gennaio a marzo 2020 si sono registrati invece 231 morti contro i 121 del 2019.

Negli stessi mesi del 2019, invece, i decessi ammontavano rispettivamente a 34, 41 e 54

I residenti al 31 dicembre 2020 sono 15.780 contro i 16.018 del 2019. (Adnkronos)

Ne parlano anche altri giornali

E' stata accompagnata con l'ambulanza all'ospedale di Pavia, dov'è stata intubata ed è stata sottoposta a un parto cesareo". Anastasia Giuliani, 42 anni , ostetrica a Lodi, ha vissuto la pandemia da una prospettiva particolare, quella delle "gravide" durante l'emergenza Covid19. (Adnkronos)

Ma dietro fiumi di retorica, noto che in pochi ricordano come andarono veramente le cose. (Nicola Porro)

getty Vo Euganeo. Vo’, però, resta un simbolo della strategia veneta per contrastare l’emergenza. Ma proprio nella notte tra il 20 e il 21 febbraio il Paese si scopriva vulnerabile, precipitato nelle grinfie di quella che Martini chiamerà più volte “la maledetta bestia dura”. (L'HuffPost)

Codogno, a un anno di distanza la messa per le vittime di Covid

Mattia Maestri, 38 anni di Codogno: un anno fa l'Italia conosceva il suo primo caso accertato di Coronavirus. Il giorno dopo, il 21 febbraio, si registrava il primo morto. (San Marino Rtv)

"Ricordo che a marzo dovevo cambiare la lavastoviglie e quando ho detto che ero di Codogno è sceso il gelo". Adesso, la provincia di Lodi è una di quelle con la minor incidenza di contagi per abitanti, in tutta la Lombardia. (Adnkronos)

Dall’inizio della pandemia sono oltre 95mila le vittime in Italia Si è svolta una funzione presso la chiesa di San Biagio, durante la quale il parroco ha recitato le preghiere per le vittime. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr