Scoperta una mummia egizia incinta – Quotidiano dei Contribuenti

Scoperta una mummia egizia incinta – Quotidiano dei Contribuenti
Più informazioni:
EOS Sistemi avanzati scrl ESTERI

Trovata a Tebe, la mummia aveva duemila anni ed era circa alla 28esima settimana di gestazione al momento del decesso.

Scoperta nel 1800 e risalente al I secolo a.C., la mummia è stata poi portata a Varsavia nel 1826 ed è attualmente esposta al Museo Nazionale di Varsavia.

“Per gli egittologi – continua – questa scoperta è davvero affascinante, perché sappiamo molto poco della salute perinatale e dell’infanzia nell’antico Egitto”

“Questa mummia offre nuove possibilità per gli studi sulla gravidanza nei tempi antichi – afferma lo scienziato – che possono essere confrontati e correlati ai casi attuali. (EOS Sistemi avanzati scrl)

Se ne è parlato anche su altre testate

La gravidanza è stata scoperta da una scansione di un corpo di circa 2.000 anni (Gazzetta dell'Emilia & Dintorni)

Però non avrebbero mai immaginato di trovarsi di fronte a una prima scoperta mondiale: la donna, dell’età di 20-30 anni, che era stata mummificata era incinta e portava in grembo un feto di 28 settimane. (Corriere della Sera)

E infine, in questi giorni, la nuova ricerca: quella donna mummificata era incinta. È la prima volta che viene scoperta una mummia incinta. (Il Riformista)

Scoperta mummia incinta, è la prima volta nella storia: “Nel grembo si vede ancora il feto”

"Per gli egittologi - continua - questa scoperta è davvero affascinante, perché sappiamo molto poco della salute perinatale e dell'infanzia nell'antico Egitto". Trovata a Tebe, la mummia aveva duemila anni ed era circa alla 28esima settimana di gestazione al momento del decesso. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Una archeologa ha scoperto ai raggi X ciò che sembrava familiare ad una donna incinta: un piccolo piede nella mummia. Un’altra possibile spiegazione potrebbe essere un collegamento alla fede e alla rinascita nell’aldilà. (Post Breve)

: Il marito, Stanislav Ozarik-Zelke, anch’egli egittologo, ha individuato attraverso lo studio delle immagini radiografiche una “immagine familiare” di tutti questi genitori, “un piedino (nel ventre della mummia)”. (Flamina&dintorni)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr