Sono passati 30 anni dalla sua morte, eppure continua a vivere con la magia delle sue canzoni indimenticabili

Sono passati 30 anni dalla sua morte, eppure continua a vivere con la magia delle sue canzoni indimenticabili
Proiezioni di Borsa CULTURA E SPETTACOLO

Sono passati 30 anni dalla sua morte, eppure continua a vivere la magia delle sue canzoni indimenticabili. Uscito nelle sale cinematografiche a cavallo tra il 2018 e il 2019, il film Bohemian Rhapsody ha sfiorato il miliardo di euro d’incasso.

Sono passati 30 anni dalla sua morte, eppure continua a vivere con la magia delle sue canzoni indimenticabili.

Una curiosità riguarda proprio i diritti di autore sugli incassi, ancora altissimi, del merchandising di Freddie Mercury (Proiezioni di Borsa)

Su altri media

Purtroppo Freddie, morto il 24 novembre 1991 a Londra è anche una delle più celebri vittime dell’Aids, che l’ha stroncato a soli 45 anni, nella sua residenza londinese quando la positività all’HIV era ancora una sentenza di morte. (Gazzetta del Sud)

Freddie dirigeva tutte le operazioni dal letto, e con uno sforzo sovrumano è riuscito ad intrattenerli tutti per due o tre ore. «E’ stato un giorno molto triste, ma secondo la mostra religione quando arriva il momento della morte non si può fare nulla, devi andare» ha detto la madre Jer, «Freddie ha fatto più per il mondo nella sua breve vita che la maggior parte delle persone in cento anni» (Virgin Radio)

May e Taylor sono andati avanti a fare musica in questi trent'anni, seguiti solo raramente da Deacon. Mercury e la Svizzera - Il legame di Mercury con la Svizzera, lo ricordiamo, fu solido e duraturo: per svariato tempo soggiornò a Montreux. (Ticinonline)

30 anni senza Freddie, leader dei Queen

Sarà stato forse complice Bohemian Rhapsody, ad oggi il biopic musicale di maggior successo della storia del cinema, vincitore di ben quattro premi Oscar nel 2019? Nessuna esibizione di quella giornata memorabile rimarrà nella mente di ognuno quanto quella dei Queen e di un Freddie Mercury in stato di grazia (The Hot Corn Italy)

Basta averli ascoltati mezza volta. In un mondo, quello musicale, ancora diviso tra difensori e nemici del rock, giunto ad attingere da nuova linfa vitale per colpa o merito dei Maneskin, possiamo ben comprendere quanto una figura come quella del carismatico frontman dei Queen tornerebbe utile ai tempi nostri. (Il Fatto Quotidiano)

Il 24 novembre del 1991 si spegneva una delle stelle più importanti del firmamento della musica Internazionale, Freddie Mercury, frontman dei Queen. Sono passati 30 anni da quel maledetto giorno che ha lasciato nella disperazione milioni di fan in tutto il mondo. (StatoQuotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr