Navalny: Cremlino, il suo futuro non ci riguarda

Navalny: Cremlino, il suo futuro non ci riguarda
Icona News ESTERI

Lo riporta l’agenzia Interfax

– Il futuro politico dell’oppositore Alexey Navalny non è affare del Cremlino: così il portavoce di Putin ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano delle prospettive del rivale numero uno di Putin dopo che oggi un tribunale di Mosca gli ha confermato una pena detentiva a due anni e mezzo che molti osservatori ritengono di matrice politica.

“Questo – ha detto Peskov – non è assolutamente affar nostro, sapete che abbiamo una legislazione che regola la procedura per la partecipazione dei cittadini al processo elettorale, dà loro il diritto di eleggere e di essere eletti. (Icona News)

Se ne è parlato anche su altre testate

Caso Navalny; tribunale Mosca conferma carcere per l'oppositore (Di sabato 20 febbraio 2021) Il tribunale di Mosca oggi ha deciso che Alexi Navalny, il dissidente arrestato il 17 gennaio scorso, dovrà restare in carcere per i prossimi due anni e mezzo concedendogli solo uno sconto di pena di . (Zazoom Blog)

La Corte d'appello di Mosca ha confermato la condanna di primo grado di due anni e otto mesi di carcere inflitta ad Alexei Navalny, accusato di aver violato la libertà vigilata per un caso di frode risalente al 2014. (Quotidiano.net)

Chiuso il capitolo della fiducia a Draghi, altro tema divisivo sono le sette commissioni di indirizzo, vigilanza e controllo. Alla fine, grazie a un accordo tra tutte le forze politiche, D'Alema rimase presidente e la Lega mantenne la carica di segretario del Comitato (Yahoo Notizie)

Caso Navalny; tribunale Mosca conferma carcere per l' oppositore

Nessuna buona notizia per il dissidente russo Alexei Navalny dai tribunali di Mosca, che gli inferiscono un doppio colpo. Il tribunale della capitale, infatti, ha stabilito di accorciare la pena di sei settimane, in quanto Navalny ha già trascorso poco meno di un anno agli arresti domiciliari. (L'HuffPost)

(askanews) - La corte d'appello di Mosca ha confermato la condanna in carcere inflitta al principale oppositore del Cremlino, Alexei Navalny, dopo il suo rientro in Russia dalla Germania il mese scorso. (Il Sole 24 ORE)

La pena del dissidente è stata però ridotta di un mese e mezzo, che Navalny ha trascorso agli arresti domiciliari all'inizio del 2015. Il tribunale di Mosca ha respinto l’appello del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny in cui chiedeva il rilascio: Navalny resta dunque in carcere. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr