Ponto ad andare al fronte Haile Gebrselassie

Ponto ad andare al fronte Haile Gebrselassie
Approfondimenti:
Tuttosport ESTERI

Insieme con Gebrselassie, oro nei 10mila metri ad Atlanta 1996 e Sydney 2000 e più volte campione del mondo, anche il maratoneta Feyisa Lilesa, argento ai Giochi di Rio 2016, ha detto di voler seguire l'esempio del primo ministro etiope, Abiy Ahmed, che oggi è partito per il fronte per guidare la guerra.

Haile Gebrselassie, leggenda dello sport etiope, si è detto pronto ad andare in prima linea nella guerra contro le forze ribelli del Tigrè, che affermano di essere vicini alla capitale, Addis Abeba (Tuttosport)

Ne parlano anche altre testate

"Ci vediamo al fronte": il primo ministro etiope Abiy Ahmed pronto a imbracciare le armi contro i tigrini di Raffaella Scuderi. Il 45enne premio Nobel per la Pace ha annunciato la sua intenzione di recarsi al fronte per combattere contro il Fronte di liberazione del popolo del Tigray, Tplf. (La Repubblica)

L’articolo (qui in originale) menziona il fatto che Haile avrebbe risposto all’appello lanciato dal premier etiope Abiy Ahmed, che ha esortato tutti i cittadini a difendere il proprio Paese. (Queen Atletica)

I ribelli sono a poco più di 200 chilometri da Addis Abeba e il premier, dichiarato lo stato di emergenza, ha lasciato il potere al vice per andare a combattere al fronte. Precipita la situazione nell’Etiopia della guerra civile fra il premier Nobel per la pace Abiy Ahmed, 44 anni, e i tigrini. (Quotidiano.net)

Etiopia, dove un Nobel per la Pace scende in guerra

Abiy ha 45 anni, ha origini oromo ed è stato nominato premier nel 2018 dalla coalizione intercomunitaria allora al governo. In centinaia, hanno riferito media internazionali, si sono arruolati oggi con una cerimonia che si è svolta ad Addis Abeba (IlNapolista)

Trasferimento poteri — Abiy, nella prospettiva di guidare in prima persona le truppe etiopi che stanno contrastando l’avanzata verso la capitale del Fronte di liberazione del popolo tigrino (Tplf) e di altre milizie ribelli, ha trasferito i poteri al vice, Demeke Mekonnen Hassen. (La Gazzetta dello Sport)

Purtroppo, però, il Tplf è rimasto sempre critico fino all'attacco, il 4 novembre 2020, di una base militare federale che, di fatto, portò all'inizio delle ostilità. Basti pensare che nel 2019 Abiy Ahmed era stato nominato Premio Nobel per la Pace. (Antimafia Duemila)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr