Camilla Canepa soffriva di una malattia autoimmune

Battipaglia 1929 SALUTE

I carabinieri del Nas di Genova stanno acquisendo cartelle cliniche e tutta la documentazione medica relativa a Camilla Canepa.

La malattia di cui soffriva Camilla Canepa aveva come effetto un abbassamento delle piastrine, che è lo stesso effetto collaterale che si sta attribuendo al vaccino, ma è molto difficile che le due cose siano correlate.

Camilla Canepa, la ragazza di 18 anni morta dopo la vaccinazione volontaria con AstraZeneca, secondo quanto appreso soffriva di piastrinopenia autoimmune familiare e assumeva una doppia terapia ormonale. (Battipaglia 1929)

La notizia riportata su altri giornali

Ecco perché è importante capire se queste condizioni fossero state segnalate nel questionario consegnato prima della somministrazione del vaccino, il 25 maggio. Il mistero della scheda. L’articolo del ‘Corriere‘: “La malattia di Camilla non era indicata sulla scheda per il medico vaccinatore” (leggi qui) apre lo spazio a nuovi dubbi e a nuove valutazioni (Live Sicilia)

La ricerca va avanti negli ospedali di Lavagna, dove la giovane era stata ricoverata e al Policlinico San Martino I carabinieri del Nas di Genova hanno acquisito la cartella clinica e tutta la documentazione medica per svolgere le dovute indagini del caso. (PrimaStampa.eu)

La ragazza di 18 anni morta dopo la vaccinazione volontaria con AstraZeneca soffriva piastrinopenia- autoimmune familiare. I mIlitari delegati dai Pm Francesca Rombolà e Stefano Puppo stanno indagando negli ospedali di Lavagna e Presso il Policlinico San Martino. (Webmagazine24)

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini (Fivedabliu)

Camilla Canepa, 18 anni, è morta a Genova per una grave trombosi dopo essere stata vaccinata il 25 maggio con il vaccino anglo-svedese, nell’ambito della campagna Open Day per gli over 18. La malattia viene distinta in due forme: forme primarie (circa 80% del totale) e forme secondarie(20%) (Caffeina Magazine)

Su questo punto chi indaga ha ancora dubbi: la sindrome è stata omessa o la ragazza non era a conoscenza di essere malata? L’8 giugno, intanto, era arrivata dal Savonese un’altra donna vaccinata con AstraZeneca, con problemi simili a Camilla (il Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr