Seconda solo a Bologna: grande risultato dell'Università di Padova nella classifica Censis

PadovaOggi INTERNO

Un risultato che ci rende felici e, come sempre accade in questi casi, è uno stimolo per continuare a crescere, dove possibile

Stabile in quinta posizione l’Università di Pisa, con 84,8 punti, cui segue Università di Torino, che si riprende una posizione in graduatoria (82,8).

Padova. Tra i mega atenei statali (quelli con oltre 40.000 iscritti) nelle prime due posizioni si mantengono stabili, rispettivamente, l’Università di Bologna, prima con un punteggio complessivo pari a 91,8, seguita dall’Università di Padova (88,7). (PadovaOggi)

La notizia riportata su altri media

L’Università di Parma, con punteggio complessivo di 88,5 si posiziona al sesto posto in Italia nella Classifica Censis delle Università italiane, giunta ormai alla ventunesima edizione, nella sezione grandi Atenei – quelli con un numero di studenti compresi tra 20.000 e 40.000. (Luca Galvani)

Migliori università d’Italia: i grandi atenei statali. I grandi atenei comprendono quelli dai 20mila ai 40mila iscritti, sul podio troviamo:. l’università degli Studi di Perugia. l’università degli Studi di Salerno. (Milano Notizie.it)

Per quanto riguarda le università pubbliche, l’Università di Torino è sesta nella classifica nazionale. Classifica Censis delle Università Italiane, UniTO sesta, il Poli è terzo tra i Politecnici. Tempo di lettura: (Mole24)

Classifica università italiane: ecco chi sono le prime tre. Segue al quinto posto della classifica università italiane Censis, la celebre Università di Pisa, con 84,8 punti, e al sesto l’Università di Torino , nota soprattutto per il rinomato Politecnico (82,8). (Ultim'ora News)

“Riflessione che deve partire dalla qualità e dalla trasparenza, specie dopo l'indagine che ha travolto un intero sistema catanese finito sotto accusa per i concorsi truccati. La deputata del gruppo Misto Simona Suriano è intervenuta a seguito dei risultati della classifica Censis relativi alle università italiane. (CataniaToday)

Così ben quattro dei 16 corsi nuovi saranno inaugurati nelle sedi decentrate della Sicilia Occidentale, nell’ateneo che negli ultimi tre anni ha puntato molto sui bacini di Trapani, Agrigento e Caltanissetta. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr