Covid, cala l’incidenza in tutte le fasce d’età

Covid, cala l’incidenza in tutte le fasce d’età
Open INTERNO

Invece, il tasso d’incidenza più alto a 7 giorni riguarda le fasce 70-79 con 687 casi per 100.000 abitanti, 50-59 anni con 685 contagi per 100.000 ab.

In particolare, la diminuzione più elevata del tasso d’incidenza si registra nel range d’età 30-39 anni.

Il valore più basso invece si verifica nei bambini tra i 0 e i 9 anni con 437 casi ogni 100.000 ab.

Diminuisce anche la percentuale di casi di Covid tra gli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione

Sul fronte dei contagi da Coronavirus diminuisce l’incidenza in tutte le fasce d’età. (Open)

Su altri media

Una regione a rischio alto. In calo in Italia oggi Rt e incidenza. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 15,2% (rilevazione 4 agosto) contro 17,0% (rilevazione della al 28 luglio)", evidenzia ancora il report settimanale (Adnkronos)

"Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in calo al 3,2% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 11 agosto) contro 3,6% (rilevazione al 4 agosto). "Nel periodo 20 luglio – 2 agosto 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,81, in diminuzione rispetto alla settimana precedente. (Tiscali Notizie)

Ministero Salute Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev Così Gianni Rezza, direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, nel video diffuso a commento dei dati del report settimanale sulla situazione epidemiologica. (Tiscali Notizie)

Covid oggi Italia, Iss: in calo Rt, incidenza e ricoveri

A bordo c'erano 16 persone VIDEO. Scende ancora la pressione sui reparti Covid. Lo sottolinea il report Covid-19 con i i dati principali del monitoraggio della Cabina di regia dell'Istituto superiore di sanità (Iss)-ministero della Salute (leggo.it)

Serve comunque prudenza”. “L’Rt mostra una tendenza alla discesa, mentre non si assiste a nessuna congestione delle strutture sanitarie. (Sardegna Reporter)

Stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% contro 44%), e in lieve diminuzione la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (43% contro 44%). (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr