Newcastle, continua la protesta di Amnesty International

Newcastle, continua la protesta di Amnesty International
Più informazioni:
Tuttosport SPORT

(INGHILTERRA) - L'acquisizione del Newcastle da parte di un fondo di società saudita ha scatenato le critiche della Ong, a causa della situazione legata ai diritti umani nel Medio Oriente.

Dal canto suo la Premier fa sapere che l'acquisizione è stata approvata poichè il Public Investment Fund – il fondo di investimento che ha finanziato l’acquisizione dei Magpies per l’80% presieduto dal principe saudita Mohammed Bin Salman – non ha rapporti con quel governo che Amnesty contesta sulla questione dei diritti umani

Il presidente esecutivo di Amnesty International UK, Sacha Deshmukh, ha scritto all'amministratore delegato della Premier League, Richard, per chiedere un confronto in tempi brevi riguardo i requisiti necessari per poter essere proprietari di un club: "L'approvazione della Lega solleva una serie di preoccupanti interrogativi sullo sportwashing, sui diritti umani e lo sport e sull'integrità del calcio inglese" ha dichiarato Deshmukh. (Tuttosport)

Ne parlano anche altre fonti

Sacha Deshmukh, presidente esecutivo di Amnesty International UK, ha scritto all’amministratore delegato della Premier League, Richard, per chiedere un colloquio “urgente” riguardo i requisiti necessari per diventare proprietari di un club. (CalcioNapoli24)

C. Redazione Il Posticipo. L’acquisizione del Newcastle da parte di PIF, fondo sovrano dell’Arabia Saudita ha sollevato diverse polemiche oltremanica. Anche gli altri club della Premier però hanno sollevato alcune perplessità legate alla velocità con cui è stato chiuso l'accordo. (Il Posticipo)

Il calcio è uno sport globale su un palcoscenico globale: ha urgente bisogno di aggiornare le sue regole sulle proprietà per impedire a coloro che sono implicati in gravi violazioni dei diritti umani di acquistarne passione e fascino. (ilBianconero)

"Art for rights", al via la settima edizione

Per quanto riguarda Amnesty, l’organizzazione ha incaricato lo scorso anno David Chivers QC di riscrivere il test per proprietari e amministratori in una forma che tenesse conto delle potenziali violazioni dei diritti umani. (Calcio e Finanza)

Pertanto – ha concluso Hussein Boumi, ricercatore di Amnesty International - invertire la crisi dei diritti umani in Egitto richiede, soprattutto, la volontà politica di porre fine alla feroce repressione e uno sforzo coordinato da parte della comunità internazionale per stabilire percorsi di accertamento delle responsabilità per le violazioni dei diritti umani, anche attraverso il sostegno all'istituzione di un meccanismo di monitoraggio e segnalazione delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani nel paese". (ilmessaggero.it)

L'iniziativa, col patrocinio del Comune di Bisceglie e dell'Accademia delle Belle Arti di Foggia, si concentrerà specialmente sulla tematica dei diritti umani, in occasione dei 60 anni di attività dell'associazione. (BisceglieViva)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr