I polacchi sono europeisti. Tusk lo sa e guida la grande mobilitazione anti Polexit

I polacchi sono europeisti. Tusk lo sa e guida la grande mobilitazione anti Polexit
Domani ESTERI

Sono le manifestazioni, sollecitate da un Donald Tusk in grande spolvero.

Durante il discorso di Tusk qualche contestatore ha provato a zittirlo a colpi di megafono

Piattaforma è pur sempre un partito di centrodestra, anche se con esponenti più aperti su temi come i diritti Lgbt come il sindaco di Poznan.

L’iniziativa di Donald Tusk per una protesta europeista a Varsavia si diffonde anche in altre città. (Domani)

Ne parlano anche altre fonti

Donald Tusk, il principale leader dell'opposizione in Polonia ed ex leader dell'Ue, ha convocato la protesta, definendola uno sforzo per difendere l'appartenenza della Polonia all'Ue. Lo ha detto Donald Tusk partecipando ad una delle manifestazioni pro-Ue in corso in diverse città della Polonia. (Rai News)

Io credo che è in quest’ottica, fatta la tara dei tatticismi politici che non mancano dall’una come dall’altra parte, che vadano letti i due avvenimenti di questi giorni che hanno riproposto la questione europea al centro del dibattito. (Nicola Porro)

(LaPresse) – “Non c’è futuro per l’Europa senza diritti fondamentali e senza Stato di diritto e democrazia”. Bruxelles, 11 ott. (LaPresse)

Polexit? Ricucire, senza nostalgie dell'Europa dei pochi

Critici contro il governo nazionalista di destra, i manifestanti temono che la sentenza del tribunale possa portare alla "Polexit" o alla Polonia costretta a lasciare l'UE per un apparente rifiuto delle leggi e dei valori del blocco. (Tiscali.it)

A Varsavia, fra i diversi politici presenti, ha preso la parola il sindaco della capitale Rafal Trzaskowski il quale, rivolgendosi ai giovani, li ha invitati a “restare polacchi ma allo stesso tempo europei”. (Il Fatto Quotidiano)

Ancora meno posso rassegnarmi a voltare le spalle al popolo polacco, lasciando che questo grande paese vada alla deriva nelle mani nazionaliste di Jarosław Kaczyński e di altri estremisti In Francia, sei mesi prima delle elezioni presidenziali, Marine Le Pen ha dato il suo “sostegno” alla Polonia. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr