ASTRAZENECA: MALORI dopo il VACCINO, STOP alla SOMMINISTRAZIONE in GERMANIA. La SITUAZIONE

ASTRAZENECA: MALORI dopo il VACCINO, STOP alla SOMMINISTRAZIONE in GERMANIA. La SITUAZIONE
iLMeteo.it SALUTE

Inoltre, il quotidiano il Giornale ha evidenziato che l'Istituto Robert Koch, l'organizzazione responsabile per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive in Germania e facente parte del Ministero federale della Salute, ha provato a gettare acqua sul fuoco.

37 persone su 88 risultano in malattia ed quindi è presente un forte deficit sanitario: di conseguenza, il distretto di Laar ha annunciato che non somministrerà più Astrazeneca, sostenendo, come riportato anche dal quotidiano Il Messaggero, che "le dosi di vaccino probabilmente provengono dallo stesso lotto consegnato a Emden". (iLMeteo.it)

La notizia riportata su altri giornali

"Non rifiutate AstraZeneca". Le notizie poco accurate sulla efficacia di questo vaccino stanno causando problemi in tutta Europa: è già successo con alcuni medici che dovevano essere vaccinati ma rifiutavano AstraZeneca in Italia; casi analoghi anche in Germania, Austria e Bulgaria. (CalcioNapoli24)

Ansa E-R riporta che la riduzione dei vaccini Astrazeneca significa un rallentamento della campagna vaccinale per il personale della scuola, che partirà in Emilia-Romagna lunedì con le prenotazioni. Dovevano arrivarne diverse decine di migliaia, ma stando a quanto dichiarato da Donini siamo in presenza di una decurtazione di ben 4-5 mila dosi. (ravennanotizie.it)

La Regione conta di avere entro febbraio quasi 80mila dosi dell’azienda anglo-svedese (comprese le poco meno di 60mila che ha già in frigo). L’Emilia-Romagna si è detta nei giorni scorsi propensa anche ad acquistare i vaccini anti-Covid sul mercato parallelo (Corriere della Sera)

Astrazeneca garantisce l'81% di protezione

Il tasso di vaccinazioni effettuate è di 6.159 per 100mila abitanti (media italiana: 5.476 per 100mila; fonte Agenzia regionale di Sanità).La filiera della campagna di vaccinazione non conosce interruzioni in ogni ambito di ciascuno dei tre filoni vaccinali, che la Toscana ha avviato utilizzando al meglio i diversi vaccini attualmente disponibili. (SienaFree.it)

3.500 le dosi consegnate ad Agrigento. La somministrazione avviene nei 5 ospedali della provincia, tranne per chi non può deambulare, in questo caso è prevista la vaccinazione a domicilio (AgrigentoOGGi.it)

Vista la carenza di vaccini secondo i ricercatori è opportuno dare subito la prima dose a più persone e garantire anche la seconda. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr