Covid, Oms prevede varianti più aggressive e difficili da controllare • Imola Oggi

Imola Oggi ESTERI

L’incontro si è tenuto ieri e oggi ne sono stati diffusi i contenuti attraverso i canali Oms.

Continua a evolversi, con 4 varianti di preoccupazione che dominano l’epidemiologia globale”.

“Nonostante gli sforzi nazionali, regionali e globali, la pandemia” di coronavirus “non è affatto finita.

I Paesi con accesso avanzato ai vaccini e sistemi sanitari ben dotati di risorse sono sotto pressione per riaprire completamente le loro società

Covid, non solo variante Delta: all’orizzonte, secondo l’Oms, potrebbe esserci infatti nuove varianti più aggressive e più difficili da controllare. (Imola Oggi)

Su altre testate

iamingo in lacrime dopo la sconfitta: “Sono tornata a essere atleta, non è bastato”Nella gara di spada femminile della scherma, Rossella Fiamingo esce ai quarti di finale, sconfitta per 15-7 dall’estone Lehis. (HelpMeTech)

L’unica figlia femmina del Sommo Poeta. Infine, tra tre possibili maschi Dante fu anche padre di una bambina Tra i vari manuali scolastici di letteratura, sfogliando le pagine dedicate al poeta, non c’è mai stato un cenno su i figli di Dante Alighieri. (Informazione Oggi)

La proposta - L'Oms aveva affermato nei giorni scorsi che gli sviluppi degli accertamenti sulle cause della pandemia avrebbero dovuto includere ulteriori verifiche in Cina e audit di laboratorio. «Il governo cinese sostiene gli studi sull'origine basati sulla scienza, ma ci opponiamo alla politicizzazione degli studi sull'origine» del Sars-CoV-2, ha concluso il viceministro (Ticinonline)

Lo ha detto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, a proposito di Tokyo 2020 (LaPresse) "Nei 125 anni di storia dei Giochi moderni, sono stati portati avanti all'ombra della guerra, di crisi economiche e geopolitiche. (Corriere della Sera)

“Chiunque pensi che la pandemia” di Covid “sia finita, perché dove risiede è finita, vive nel paradiso degli sciocchi”. Anche per queste disuguaglianze nell’immunizzazione della popolazione mondiale, “a 19 mesi dall’inizio della pandemia e a 7 mesi dall’approvazione dei primi vaccini – ha avvertito – ci troviamo ora nelle prime fasi di una nuova ondata di infezioni e decessi. (Internapoli)

L’unica certezza è che i primi casi noti del virus siano emersi nella città di Wuhan, ma non si sa ancora come il virus sia arrivato agli esseri umani. Questa ipotesi è stata però ritenuta improbabile a conclusione della prima fase di indagini svolte dall’Oms a gennaio, a causa l’assenza di risultati che provassero la creazione umana del virus. (Wired Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr