Ftse Mib future: spunti operativi per mercoledì 12 maggio

Milano Finanza ECONOMIA

Short su rimbalzo verso 24.350-24.360 con target a 24.260 prima, a quota 24.160 poi e in area 24.080-24.060 successivamente

Pericoloso invece il ritorno sotto i 23.900 punti anche se, da un punto di vista grafico, soltanto la rottura del sostegno grafico posto in area 23.700-23.650 punti potrebbe provocare un’inversione ribassista di tendenza.

E’ stata una seduta negativa sul mercato azionario italiano che, nonostante i segnali di forza forniti dal settore bancario, ha subito una brusca flessione e si è in questo modo allontanato da un’importante area di resistenza. (Milano Finanza)

Su altre testate

Outlook confermato a “stabile” e rosso dell’1,76% per UniCredit, che ha annunciato la nuova struttura organizzativa voluta dal nuovo Ceo Andrea Orcel Avvio di seduta in calo per la Borsa di Milano oggi: sul Ftse Mib spicca l’andamento delle azioni Pirelli e sui titoli bancari a seguito della decisione di Moody’s. (Money.it)

Strategia operativa intraday (future scadenza giugno 2021). Pericoloso invece il ritorno sotto i 23.900 punti anche se, da un punto di vista grafico, soltanto la rottura del sostegno grafico posto in area 23.700-23.650 punti potrebbe provocare un’inversione ribassista di tendenza. (Milano Finanza)

Avvio di seduta in sostanziale parità per la Borsa Italiana oggi: sul Ftse Mib spicca l’andamento delle azioni Poste Italiane dopo la presentazione dei numeri trimestrali. Dopo la presentazione dei conti, +0,7% per Banca Generali che fa registrare una delle performance migliori del Ftse Mib dopo aver annunciato di aver chiuso i primi tre mesi con un utile netto di 135,4 milioni (+71%). (Money.it)

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi (Borsa Italiana)

In rosso invece le società legate al petrolio, frenate ancora una volta dalla battuta d'arresto registrata in giornata del greggio: Tenaris perde il 2,27%, Eni l'1,47% e Saipem lo 0,83%. Primo tra tutti Nexi (+3,3%), che ha battuto le attese e alzato i target, confermando anche il closing con Nets nel secondo trimestre. (Milano Finanza)

Alle 10.30 il FTSEMib era in flessione del 2,03% a 23.955 punti, mentre il FTSE Italia All Share lasciava sul terreno l'1,95%. Segno meno anche per Saipem (-2,4% a 1,991 euro) e Tenaris (-3,28% a 9,558 euro) (SoldiOnline.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr