Così Roberto Fiore e Giuliano Castellino hanno assaltato la Cgil: le carte della Digos

Così Roberto Fiore e Giuliano Castellino hanno assaltato la Cgil: le carte della Digos
Corriere della Sera INTERNO

La sede è rimasta occupata per un po’, poi i dimostranti sono usciti ma successivamente volevano tentare un secondo assalto.

Ma il lavoro della Digos di Roma non è finito, altri «occupanti» sono in via di identificazione e andranno ad aumentare il numero dei denunciati.

Che già s’è arricchito dei quattro firmatari il messaggio di rivendicazione e annuncio di nuove iniziative comparso sul sito internet di Forza nuova prima dell’oscuramento ordinato dalla Procura. (Corriere della Sera)

Ne parlano anche altri giornali

A seguito dei violenti tafferugli, si sono verificati anche diversi episodi di vandalismo ai danni di alcuni templi indù situati nelle aree del Paese a maggioranza islamica. Migliaia di manifestanti musulmani, che ritenevano offensive le foto, si sono scontrati con le forze dell’ordine tra colpi di manganello, spari e gas lacrimogeni. (LaPresse)

Lo dice Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana quando domanda: "Abbiamo l'ex braccio destro di Salvini al Viminale prefetto della Capitale, si dimette? Abbiamo operato affinché le cose fossero contenute e ordinate, per agevolare polizia, e con la polizia abbiamo trattato". (Today.it)

Al termine dei sei interrogatori di garanzia di questa mattina il giudice ha deciso: le sei persone accusate di aver assaltato il più grande e antico sindacato d'Italia non usciranno di prigione. "Abbiamo posto una questione sulla tempestività dei provvedimenti", spiega Paolo Colosimo, l'avvocato dell'ex Nar Aronica (Repubblica Roma)

Forza nuova, convalidati gli arresti per Castellino e Fiore

Assalto fascista alla Cgil, la farsa degli arrestati: "Noi eravamo lì per fermare le violenze" di Andrea Ossino. Restano tutti in carcere: "Pericolo di reiterazione". Castellino era libero perché il suo reato "non penalmente rilevante" (Repubblica Roma)

"Eravamo in piazza per protestare contro il Green pass ma non come militanti di Forza Nuova perché il movimento non opera più", hanno ribadito. Al giudice i due vertici di Forza Nuova hanno spiegato che la loro partecipazione alla manifestazione di piazza del Popolo era da semplici cittadini contrari all'obbligo di Green pass e non da leader politici. (Sky Tg24 )

La notizia è stata confermata a Domani dall’avvocato Sandro D’Aloisi, legale di Castellino. Oltre a Castellino e Fiore, tra i fermati ci sono Pamela Testa e Salvatore Lubrano di Forza nuova, Biagio Passaro del movimento «Io apro» e l’ex Nar Luigi Aronica: sono tutti accusati di istigazione a delinquere, devastazione e saccheggio (Domani)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr