Mediobanca, Caltagirone, Del Vecchio e il profumo di Opa su Generali

Startmag Web magazine ECONOMIA

Nel frattempo il Sole 24 Ore oggi evoca scenari da Opa: “Un accordo tra i maggiori azionisti di Generali supererebbe di gran lunga la soglia dell’Opa, che, come per la stessa Mediobanca, anche per Trieste è del 25%

“Indiscrezioni sulla volontà di Caltagirone di salire fino al 5% del capitale erano gia’ emerse in passato.

Nelle scorse settimane intanto anche Leonardo Del Vecchio, altro socio forte del Leone, aveva incrementato la propria quota in Mediobanca portandola al 19%, a un soffio dal 19,99% autorizzato dalla Bce. (Startmag Web magazine)

Se ne è parlato anche su altre testate

Mediobanca sul titolo Generali, in calo dello 0,27% a 16,745 euro al momento in borsa, ha un rating neutral e un target price a 18,50 euro Mediobanca è meno prudente del consenso, lo vede al 241%. (Notizie - MSN Italia)

Tuttavia, Mediobanca appoggerebbe una riconferma dell’attuale Group Ceo, Philippe Donnet, in considerazione dei risultati raggiunti negli ultimi anno sul fronte della solidità patrimoniale e della redditività. (Il Cittadino on line)

Una cifra rotonda, frutto della strategia portata avanti in questi anni dal ceo Alberto Nagel al timone di Piazzetta Cuccia dal 2008. Secondo un report di ieri di Ubs, Piazzetta Cuccia sta valutando di rilevare la rete dei promotori da Deutsche Bank Italia, l’ex Finanza e Futuro. (Corriere della Sera)

"Le mosse di Caltagirone e del Vecchio sostengono il titolo, che tratta su valutazioni attraenti e con fondamentali solidi", osservano gli analisti di Equita. Col titolo in rialzo del 2% a 9,47 euro la capitalizzazione della banca, primo azionista delle Generali, si attesta a 8,64 miliardi di euro. (Antimafia Duemila)

Valeria Panigada 22 luglio 2021 - 11:22. MILANO (Finanza.com). Torna in primo piano il tema della governance di Generali dopo che Caltagirone (secondo azionista di Generali con una quota del 5,6%) è salito in Mediobanca (primo azionista di Generali con il 12,9%), con la possibilità di arrivare sopra al 5%. (Finanza.com)

Secondo Repubblica, gli ultimi acquisti di Caltagirone sono legati alla volontà di ricostituire un investimento nelle banche (negli ultimi 15 anni ha comprato e poi venduto quote rotonde in BNL, MPS, Unicredit). (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr