Meno 4 gradi a Torino, clochard muore di freddo su una panchina

Meno 4 gradi a Torino, clochard muore di freddo su una panchina
La Repubblica INTERNO

Aveva anche una radiolina, e quando il pub Rosselli trasmetteva le partite nel dehors lui si fermava sempre a seguirle.

"Stava male, ma non voleva aiuto", dicono i residenti che hanno cercato in tutti i modi di aiutarlo.

Sulla panchina dove dormiva, quando non era ai giardini davanti alle poste, qualcuno ha posato qualche vasetto di primule e una rosa per ricordarlo

Da dieci giorni non si muoveva quasi dalla panchina di corso Rosselli, davanti alla tabaccheria al civico 125. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altre testate

Sul posto sono intervenuti per i rilievi i carabinieri della VII sezione del nucleo investigativo di via In Selci. La segnalazione al 112 da parte di un passante alle prime ore di questa mattina sotto il cavalcavia pedonale che si trova fra viale del Tintoretto e la via Laurentina, in zona Tre Fontane all'Eur. (RomaToday)

Nel quartiere era conosciuto da tutti, si chiamava Paolo ed era arrivato in Italia dalla Romania. Marco Barra, titolare della tabaccheria di corso Rosselli 125, ricorda così Paolo, il clochard di origini romene che negli ultimi mesi dormiva sulla panchina di fronte al suo negozio. (Corriere della Sera)

L’ondata di gelo che in questi giorni sta attraversando Roma e provincia miete un’altra vittima tra i più fragili. A uccidere entrambi, nella notte, l'abbassamento delle temperature e la mancanza di un riparo e di un pasto caldo. (RomaToday)

Clochard muore per un malore su una panchina di corso Rosselli

Clochard muore di freddo a Torino, l’assessore Rosatelli: “Fare di più per le persone fragili” È stato probabilmente il freddo a uccidere Paul, clochard trovato morto su una panchina a Torino. Il corpo di Paul trovato sulla panchina diventata casa sua. (Fanpage.it)

Il freddo colpisce ancora: muore un altro uomo nella città di Roma. A cura di Beatrice Tominic. Immagine di repertorio. (Fanpage.it)

Eppure ogni mattina ripeteva al barista al civico 129, poco distante dalla sua panchina, la solita frase: «Si muore di freddo, oggi». Ieri mattina in corso Rosselli è arrivata la polizia, chiamata dal 118 quando i sanitaria si sono resi conto che per l'uomo non c'era nulla da fare. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr