In Abruzzo nel 2020 cala del 5% la spesa media delle famiglie: tutti i dati dell'Istat

In Abruzzo nel 2020 cala del 5% la spesa media delle famiglie: tutti i dati dell'Istat
IlPescara ECONOMIA

La spesa media mensile è stata di 2.083 euro a fronte dei 2.193 euro del 2019.

Lo scorso anno, in base ai dati diffusi dall'Istat, la spesa media mensile per famiglia nella nostra regione è stata di 2.083 euro con un calo di circa il 5% rispetto all'anno precedente. Cala nel 2020 la spesa media mensile delle famiglie abruzzesi.

In calo l'abbigliamento e calzature che nel 2020 rappresentano solo il 3,7% della spesa mensile rispetto al 4,6% del 2019, i trasporti che passano dal 13,1% al 9,8% e "Ricreazione, spettacoli e cultura" che passano dal 4,4 al 3,7%

Lo ha rilevato l'Istat che ha diffuso i dati relativi al report 'Spese per consumi delle famiglie' . (IlPescara)

Ne parlano anche altri media

Nel primo trimestre spesa famigliq a -3,4%. La spesa media mensile nel primo trimestre del 2021 diminuisce del 3,4% rispetto allo stesso trimestre del 2020, per gli effetti persistenti della crisi sanitaria, rileva l’Istat in base alle stime preliminari. (Il Sole 24 ORE)

Per avere un termine di paragone, nel biennio 2012-2013 - quando la crisi del debito sovrano e l'austerity mordevano sull'economia - il calo cumulato sul 2011 fu del 6,4%. Il crollo del 9% del 2020 non era mai stato registrato: valore medio a 2.328 euro mensili a famiglia Condividi:. (Sky Tg24 )

Ad evidenziarlo è il rapporto dell’Istituto nazionale di statistica (Istat) e Istituto superiore di sanità (Iss) sull’impatto del Covid in Italia, secondo il quale nell’anno della pandemia sono stati registrati complessivamente 746’146 decessi, 100’526 in più rispetto alla media 2015-2019 (15,6% di eccesso). (Corriere del Ticino)

Nel 2020 la mortalità in Italia è stata la più alta mai registrata dal Dopoguerra

Nei primi quattro mesi del 2021, sono stati riportati 42.957 decessi. L'impatto dei vaccini sulla mortalità in Italia. Sempre secondo il dossier Istat-Iss, il rischio di decesso per Covid si riduce del 95% a partire dalla settima settimana dopo la somministrazione della prima dose di vaccino. (Fanpage)

Ad evidenziarlo è il rapporto Istat-Iss sull'impatto del Covid in Italia, secondo il quale nell'anno della pandemia sono stati registrati complessivamente 746.146 decessi, 100.526 in più rispetto alla media 2015-2019 (15,6% di eccesso). (Trentino)

Si evidenzia inoltre come la fascia di età in cui si riscontra un’incidenza maggiore di decessi Covid-19 sui decessi totali sia la 65-79 anni, in questa classe un decesso su 5 è attribuibile al Covid-19. (Salernonotizie.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr