Catania, rissa con sparatoria: cinque arresti

LaPresse INTERNO

È quanto risulta dalle indagini relative a una rissa degenerata in sparatoria all’uscita di una discoteca del porto, la ‘Ecs Dogana Club’, dello scorso 21 aprile, in cui era rimasto ferito un giovane di 18 anni.Il video è stato diffuso dalla polizia del capoluogo etneo

I fatti risalgono al 21 aprile: il video diffuso dalla polizia del capoluogo etneo. (LaPresse) La Polizia di Catania ha arrestato cinque persone accusate di rissa e lesioni personali, aggravate dall’uso di armi, detenzione e porto in luogo pubblico di più armi comuni da sparo, maltrattamenti in famiglia e danneggiamento di cose. (LaPresse)

Ne parlano anche altre fonti

Lo si apprende in ambienti giudiziari ed emerge dall’ordinanza di custodia cautelare del Gip Currò che ha negato l’arresto chiesto dalla procura di Catania. Gli agenti hanno eseguito una ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Catania su richiesta della Procura della Repubblica. (Gazzetta del Sud - Edizione Sicilia)

La Procura di Catania ha chiesto la misura cautelare anche per il cantante, ma il gip Pietro Currò ha rigettato la richiesta nei confronti dell’indagato. E sarebbe Niko Pandetta, trapper neomelodico catanese e nipote del capomafia Turi Cappello. (Livesicilia.it)

Tra le accuse mosse dalla procura etnea anche i maltrattamenti in famiglia e il danneggiamento di cose esposte alla pubblica fede. La rissa in discoteca e la sparatoria. (BlogSicilia.it)

Polizia Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev Le indagini riguardano la rissa degenerata in sparatoria all'uscita della nota discoteca del Porto, lo scorso 21 aprile, in cui era rimasto ferito un giovane di 18 anni. (Liberoquotidiano.it)

Successivamente i poliziotti, anche in base alle testimonianze raccolte, sono riusciti ad avere un quadro completo della violenta aggressione scaturita da precedenti dissapori tra alcuni giovani, vicini al clan “Mazzei” che avrebbero impedito, pochi giorni prima, ad un noto cantante neo-melodico catanese di esibirsi in un locale insieme ad un trapper. (Poliziamoderna.it)

1' DI LETTURA. La Squadra Mobile di Catania ha eseguito l’ordinanza di applicazione di misure cautelari detentive emessa dal gip su richiesta della procura. (Livesicilia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr