Stragi di Oslo e Utoya. La Norvegia rende omaggio alle 77 vittime

Stragi di Oslo e Utoya. La Norvegia rende omaggio alle 77 vittime
Rai News ESTERI

Durante un evento commemorativo trasmesso in tv, sono stati letti i nomi delle 77 vittime.

Today we remember the 77 people brutally killed in Oslo and at Utøya on 22 July 2011

Presenti all'evento anche il principe ereditario Haakon, i sopravvissuti e le famiglie delle vittime e la premier Erna Solberg che ha detto: "L'odio non può rimanere senza risposta".

La Norvegia rende omaggio alle 77 vittime. (Rai News)

Ne parlano anche altre testate

La superstite di Utøya : "Mi sono salvata e ho capito che Breivik è uno di noi" di Marco Consoli. Kamzy Guanaratnam, oggi vicesindaco di Oslo. Kamzy Gunaratnam, 33 anni, fuggì dall'isola gettandosi in acqua. (La Repubblica)

Il suo obiettivo era, disse, “salvare la Norvegia e l’Europa occidentale dalla minaccia marxista e musulmana”. Alle 19, le campane del municipio di Oslo suoneranno 77 volte, in rintocco per ogni vita spezzata durante l’attacco (EuropaToday)

Sull’isola di Utoya, invece, un cilindro metallico sospeso tra gli alberi porta incisi i nomi delle vittime Il locale che ospitava caffè in cui furono uccise 13 delle 69 vittime, sull'isola norvegese di Utoya. (Avvenire)

Dieci anni di carcere e Breivik non è migliorato, anzi

Inizialmente ritenuto affetto da schizofrenia paranoide, Breivik è stato dichiarato "sano di mente e quindi penalmente responsabile" da una controperizia. La perdita dell'innocenza. Il 22 luglio 2011 è il giorno in cui la Norvegia ha perso la sua innocenza, ma non i principi su cui si fonda. (Sky Tg24 )

Il massacro compiuto da Anders Breivik, che durante il periodo di reclusione ha cambiato il suo nome in Fjotulf Hansen, è diventato negli anni un ‘riferimento’ nella galassia dell’estrema destra. Una strage con pochi precedenti nella storia recente dell’Europa. (Il Riformista)

E aveva fatto di nuovo ricorso alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo che l’aveva respinto nel giugno 2018, giudicandolo «manifestamente infondato e irricevibile» Che sia ancora socialmente pericoloso, anzi che lo sia forse ancora di più, è abbastanza probabile. (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr