Mancano i chip, Apple taglia la produzione degli iPhone

Mancano i chip, Apple taglia la produzione degli iPhone
Sky Tg24 SCIENZA E TECNOLOGIA

In questo momento, poi, le carenze sono anche a monte, nelle industrie che creano i macchinari per la manifattura dei microchip.

Le attese sono per un trimestre da 120 miliardi di dollari di ricavi, in crescita del 7% sull'anno scorso

La crisi dei chip pesa anche su Apple, costretta a tagliare, in uno dei momenti cruciali dell'anno fra Black Friday e Natale, la produzione dell'iPhone .

C'è, dunque, una doppia strozzatura che per gli esperti si normalizzerà soltanto a partire dal prossimo anno. (Sky Tg24 )

Se ne è parlato anche su altri giornali

one. Un report di poche ore fa parlava infatti di Apple costretta a ridurre gli ordini di 10 milioni di iPhone 13 previsti da qui a fine ano. Ora, però, diversi fornitori hanno smentito la notizia, affermando che Apple non ha ridotto gli ordini previsti e che la produzione andrà avanti secondo la tabella di marcia prevista da mesi. (iPhone Italia)

Le difficoltà globali di approvvigionamento nella filiera dei semiconduttori potrebbero condurre Apple a tagliare il target di produzione di iPhone 13 di 10 milioni di unità, per il 2021. Nel caso di Apple, Texas Instruments fornisce un chip collegato all’alimentazione del display Oled, mentre Broadcom è il produttore di riferimento di lunga data per le componenti wireless. (Wired.it)

Questo significa che chi pensava di regalarlo (o regalarselo) semplicemente potrebbe non riuscire a trovarlo. Al momento l'azienda della Mela non ha ancora preso posizione ufficiale a riguardo. (Ticinonline)

Apple taglia la produzione: a rischio 10 milioni di iPhone 13. Ecco perché

BOE ha già fornito quantità limitate di schermi ad Apple per iPhone 12, per lo più destinati ai terminali da riparare e quelli ricondizionati, oltre che display per iPad. Sulle pagine di macitynet trovate la recensione di iPhone 13 Pro, quella di iPhone 13 Pro Max. (macitynet.it)

Infine iPhone 13 risulta più costoso per chi vive in India: per comprarne uno bisogna spendere il 14,75% dell’intero potere di acquisto annuale, mentre in USA solo l’1,17%. Viceversa in Irlanda i prezzi iPhone sono diminuiti del 29% in termini reali, questo perché il tasso di inflazione locale è cresciuto più del prezzo degli iPhone. (macitynet.it)

Intanto Apple sta lavorando per trasformare gli AirPods, le cuffie Bluetooth di cui è leader nel mercato globale, in apparecchi acustici in grado di migliorare l'udito, leggere la temperatura corporea e monitorare la postura. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr