Congo: padre Trasparano (missionario), “qui i massacri sono all'ordine del giorno”

Congo: padre Trasparano (missionario), “qui i massacri sono all'ordine del giorno”
Approfondimenti:
Toscanaoggi.it ESTERI

È anche vero che ogni giorno avvengono fatti tragici e massacri nel Nord Kivu”.

Lo dichiara al telefono della redazione di “Popoli e Missione”, da Beni, padre Gaspare Trasparano, missionario comboniano.

Congo: padre Trasparano (missionario), “qui i massacri sono all’ordine del giorno”. “Quella è una strada infida, non so come sia stato possibile che l’ambasciatore non viaggiasse su un mezzo blindato. (Toscanaoggi.it)

Su altre testate

Si era costruito la casa qui, accanto a quella dei genitori, per viverci insieme alla sua fidanzata. Lo racconta all’Adnkronos Angelo, zio di Vittorio Iacovacci, il carabiniere ucciso in un attentato in Congo nel tentativo di proteggere l’ambasciatore italiano. (Adnkronos)

Come riporta il nostro giornale partner Quotidiano.net era in servizio presso l’ambasciata italiana del Congo dal settembre 2020 ed era effettivo al Battaglione Gorizia dal 2016. Vittorio Iacovacci, 31 anni il prossimo mese di marzo, il carabiniere italiano ucciso oggi nell’attacco in Congo insieme all’ambasciatore Luca Attanasio. (Casteddu Online)

In queste visite Attanasio si è intrattenuto con gli alunni e docenti del plesso che scolarizza circa 500 bambini. L’ambasciatore, il più giovane rappresentante diplomatico dello Stato italiano in servizio, si era recato per due volte, in compagnia della moglie, in visita al centro didattico intitolato a padre Vittorio Agostini a Nsioni, Lukula, Bass Congo (LA NAZIONE)

AMBASCIATORE UCCISO IN CONGO/ 'Così si muore nel paese più corrotto della terra'

Lo aveva celebrato don Angelo Gornati, allora parroco di Limbiate, che aveva visto crescere Luca e crescere in lui quella grande voglia di donarsi al prossimo. L’ultimo incontro quando era tornato a Limbiate qualche mese fa (Il Giorno)

cordoglio del Presidente #Mattarella per la morte dell’Ambasciatore Luca #Attanasio, del Carabiniere Vittorio #Iacovacci e del loro autista pic.twitter.com/hqJptje9Kb — Quirinale (@Quirinale) February 22, 2021. (Il Messaggero)

“Nel corso dei miei incarichi sono stato anche in Tanzania: lì scavi e trovi solo terra. Infatti in Tanzania non ci sono guerre, ma il Congo dell’est è sconvolto da guerre e violenze quotidiane da sempre”. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr