Caos Dacia Arena, l'Udinese pronta a lasciare lo stadio

Caos Dacia Arena, l'Udinese pronta a lasciare lo stadio
Milan News 24 SPORT

L’Udinese non andrebbe a chiedere alcun risarcimento né interesse ma solamente il rientro di quelle somme che sono state anticipate.

Questa decisione giunge anche a seguito delle pretestuose e reiterate contestazioni subite in questi ultimi anni dall’Udinese Calcio.

Siamo già in contatto, come lo eravamo in altri tempi, con altri comuni per poter rifare – anche celermente – l’impianto altrove

Contemporaneamente, la società si impegna ad individuare un’area alternativa per la costruzione di un nuovo stadio, riprendendo in esame le pratiche a suo tempo avviate. (Milan News 24)

Su altre testate

Il sindaco di Udine Fontanini definisce "illogica" la sortita del club bianconero, "certamente poco utile a rasserenare gli animi". Il Comune ora resta in attesa delle mosse della società: l'eventuale risoluzione del contratto non potrà che passare per un accordo tra le parti. (TGR – Rai)

Il dirigente ha incontrato ufficialmente il sindaco di Pasian di Prato, località che si è detta disponibile ad ospitare la nuova casa dell'Udinese. La Gazzetta dello sport riporta le parole di Rigotto e del sindaco Andrea Pozzo. (Udinese Blog)

Il riferimento è alla “Dacia Arena” (qui l'inchiesta e i dettagli), il progetto che i friulani hanno portato avanti e realizzato 5 anni fa. L’Udinese, si scriveva sopra, ha investito quasi 50 milioni di euro per i lavori di abbattimento e ristrutturazione del vecchio stadio “Friuli”, ora Dacia Arena (GianlucaDiMarzio.com)

Udinese: ''Dopo i rilievi dell'Anac pronti a lasciare lo stadio''

«Il club - si legge infatti nella nota diffusa dalla società - chiederà, inoltre, il rimborso di 48 milioni e 530 mila euro, somma pari alle spese sostenute per i lavori di abbattimento e ristrutturazione dell’impianto». (Il Messaggero Veneto)

Contemporaneamente, la società si impegna ad individuare un'area alternativa per la costruzione di un nuovo stadio, riprendendo in esame le pratiche a suo tempo avviate. Il Club chiederà, inoltre, il rimborso di 48.530.000 euro, somma pari alle spese sostenute per i lavori di abbattimento e ristrutturazione dell'impianto. (la Repubblica)

E in una nota aggiunge: "Questa decisione giunge anche a seguito delle pretestuose e reiterate contestazioni subite in questi ultimi anni dall'Udinese Calcio. Ha le idee chiare l'Udinese, dopo che l'Anac aveva rilevato presunte irregolarità nella gestione dell' impianto. (Rai Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr