Indagine anti-corruzione sulla Dacia Arena: l’Udinese via dal vecchio Friuli

Indagine anti-corruzione sulla Dacia Arena: l’Udinese via dal vecchio Friuli
Più informazioni:
Viola News SPORT

L'Anac, ossia l’Autorità nazionale anti corruzione, tramite una delibera notificata venerdì scorso sia al club bianconero che all’amministrazione cittadina ha aperto un'inchiesta sul restyling dell'impianto, in particolare alle procedure relative la presentazione della fideiussione per la stipula del contratto tra il club bianconero e l'amministrazione comunale, il naming dello stadio e l'omesso controllo del Comune sulla manutenzione ordinaria annuale. (Viola News)

Su altri giornali

Pasian di Prato è pronta per questa sfida e i progetti già ci sono. Immagino si voglia andare avanti con la costruzione di una cittadella dello sport di proprietà dell'Udinese - ha concluso il sindaco -, in cambio l'amministrazione chiederebbe alla società solamente alcuni spazi da poter utilizzare per le proprie asd" (Telefriuli)

la società oltre a presentare ricorso nelle sedi opportune, si dichiara pronta a lasciare la Dacia Arena chiedendo la risoluzione anticipata del contratto con il Comune a fronte delle presunte inadempienze rilevate dall’ANAC”. (alfredopedulla.com)

Questa decisione giunge anche a seguito delle pretestuose e reiterate contestazioni subite in questi ultimi anni dall’Udinese Calcio. Dura nota dell’Udinese dopo che l’Anac ha sollevato dubbi sulla gestione della Dacia Arena: i dettagli. (Calcio News 24)

Nuovo stadio dell'Udinese: i simboli non si toccano, si rispettano e basta. A volte perdere vale come una vittoria

Ha le idee chiare l'Udinese, dopo che l'Anac aveva rilevato presunte irregolarità nella gestione dell' impianto. E in una nota aggiunge: "Questa decisione giunge anche a seguito delle pretestuose e reiterate contestazioni subite in questi ultimi anni dall'Udinese Calcio. (Rai Sport)

Contemporaneamente, la società si impegna ad individuare un'area alternativa per la costruzione di un nuovo stadio, riprendendo in esame le pratiche a suo tempo avviate. Il Club chiederà, inoltre, il rimborso di 48.530.000 euro, somma pari alle spese sostenute per i lavori di abbattimento e ristrutturazione dell'impianto. (la Repubblica)

Il piccolo Friuli, pronto a incensare il giusto ma una volta tanto capace pure di arrabbiarsi e di dire la sua su aspetti solo all’apparenza marginali: ma perché cambiate nome allo stadio? Figurarsi se può essere accettabile il nome di una marca di automobili, che pure impazza su alcuni media più vicini di altri alla società (Il Messaggero Veneto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr