Von der Leyen-Erdogan, Michel nel mirino per il Sofagate. Cosa è successo ad Ankara

Von der Leyen-Erdogan, Michel nel mirino per il Sofagate. Cosa è successo ad Ankara
Per saperne di più:
QUOTIDIANO.NET ESTERI

La Turchia ribadisce che "il protocollo concordato con la delegazione ospite è stato rispettato alla lettera".

Ma perché la numero uno della Commissione Ue avrebbe partecipato al vertice con uno 'staff' ridotto rispetto al leader del Consiglio Ue?

Bruxelles, 8 aprile 2021 - Il 'Sofagate' esploso durante l'incontro tra Ursula Von der Leyen, Charles Michel e Recep Tayyip Erdogan cresce di ora in ora. (QUOTIDIANO.NET)

La notizia riportata su altri media

Adnkronos. "Oggi Aldo Grasso scrive che Lol non lo diverte (legittimo, per carità) perché “non conosce molti dei partecipanti” (perché, fai ridere se sei famoso?) (Yahoo Notizie)

La considerazione da fare è che con questi dittatori di cui però si ha bisogno di collaborare, o meglio di cooperare, uno deve essere franco nell'esprimere la differenza di vedute, di comportamenti, di visioni, ma pronto a cooperare per gli interessi del proprio paese". (Video - La Stampa)

Durante la visita ufficiale ad Ankara dei presidenti Ursula von der Leyen e Charles Michel con il presidente turco, Recep Tayyp Erdogan, si è consumato uno spettacolo che non avremmo voluto vedere. La vicenda è stata liquidata come un’ennesima manifestazione di sessismo da parte di un leader autoritario che vorrebbe riportare le donne alla sottomissione totale. (L'HuffPost)

Sofa-gate, Ankara: abbiamo seguito un protocollo concordato con la Ue prima dell'incontro

Se, poi, i responsabili del protocollo dell’Unione erano stati consultati e avevano accettato quelle disposizioni senza discuterne con la Presidente della Commissione e del suo staff, meglio procedere subito alla loro sostituzione. (L'HuffPost)

Il “sofagate”. Ma il caso di Ursula von der Leyen (presidente della Commissione Europea) che il presidente turco Erdogan nell’incontro ad Ankara ha fatto sedere sul divano, riservando invece a Charles Michel (presidente del Consiglio Europeo) la sedia al suo fianco, noi donne “normali” lo conosciamo bene. (Tempo Stretto)

"Abbiamo subito accuse e attacchi ingiusti, la Turchia non è un Paese che riceve ospiti per la prima volta. Il presidente del Consiglio Ue dovrebbe dimettersi per questo e non solo per questioni di garbo istituzionale", ha scritto su Twitter l'europarlamentare Pd Pina Picierno. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr