Milano, violenze a Capodanno in piazza Duomo: due fermati

Milano, violenze a Capodanno in piazza Duomo: due fermati
IL GIORNO INTERNO

Nelle indagini sulle aggressioni sessuali avvenute in piazza del Duomo, a Milano, la note di Capodanno, e che hanno portato all'individuazione di 18 persone, è stata determinante l'analisi delle telecamere

In quel momento sono intervenute due amiche della ragazza, che hanno subito lo stesso trattamento e hanno denunciato il giorno successivo.

Ci sono due fermati nell'indagine coordinata dalla Procura di Milano e condotta dalla Squadra mobile sulle aggressioni e molestie avvenute la notte di Capodanno a Milano nei confronti di almeno nove ragazze. (IL GIORNO)

Se ne è parlato anche su altri giornali

- MILANO, 13 GEN - La Procura di Milano, che indaga assieme alla Squadra mobile sulle aggressioni sessuali di Capodanno in piazza del Duomo, ha acquisito, da quanto si è saputo, anche una video intervista a due ragazze che hanno raccontato di aver subito pure loro violenze dal branco di giovani, divisi in diversi gruppi, che hanno abusato di almeno nove ragazze, ossia le "persone offese" nell'inchiesta. (Ansa)

La psicologa Varallo: Agghiacciante che sia successo in piazza Duomo a Milano. Collegata in diretta con Fanpage.it su Youtube, la psicologa Giorgia Varallo ha analizzato il profilo comportamentale dei violentatori sessuali parlando dei fatti accaduti in piazza Duomo a Milano nella notte di Capodanno. (Fanpage.it)

Violenze di Capodanno a Milano, il filmato di una donna e il software facciale per identificare il branco di Ilaria Carra , Sandro De Riccardis. Il padre del 18enne fermato: "Mio figlio non può aver fatto quelle cose" (La Repubblica)

Violenze di Capodanno a Milano, quei cattivi ragazzi attirati dallo scintillio della metropoli

Giuseppe Guastella e Pierpaolo Lio, sul Corriere, hanno descritto così le aggressioni sessuali di gruppo commesse a Capodanno da bande di giovani di origini magrebine vicino al duomo di Milano. Duomo di Colonia. (Corriere della Sera)

Per loro la speranza è "di avere presto giustizia": tutte sono state aggredite da un "branco" di ragazzi tra i 15 e i 22 anni. E ancora: "hanno agito con la consapevolezza di poter approfittare dei festeggiamenti per il Capodanno per garantirsi l'impunità" (Fanpage.it)

Ammette, il buttafuori di noto locale in corso Como, che "certe volte ho paura anche io. Eppure l'uomo è muscoloso, navigato e parecchio tatuato, esperto delle notti milanesi. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr