"Migranti, non venite negli USA"

RSI.ch Informazione ESTERI

La vice presidente statunitense, Kamala Harris, ha detto ai migranti di Guatemala e Messico di "non venire negli Stati Uniti" perché saranno respinti.

Durante la sua prima visita all'estero da quando ha assunto l'incarico, Harris ha parlato del "pericoloso viaggio verso Nord" che intraprendono i migranti invitandoli a "non venire.

"Se verrete al nostro confine, sarete rimandati indietro", ha detto la vice presidente sottolineando che ci sono "strade per un'immigrazione legale e sono queste che vanno percorse". (RSI.ch Informazione)

Ne parlano anche altri media

Arrivare fino al confine con gli Usa, ha detto dopo il suo incontro con il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador, "può essere un cammino molto pericoloso e pieno di insidie". Un'occasione, per Harris, per parlare anche di migrazione. (Yahoo Notizie)

Semplificando (molto) il ciclico inverarsi del dibattito si può sostenere che la destra sta qui: ‘li facciamo affondare tutti’, mentre la sinistra più o meno qui: ‘li facciamo entrare tutti’. Insomma, alla fine destra e sinistra si trovano molto più vicini di quanto vogliano ammettere al fatidico muro di Zanonato (L'HuffPost)

«Non venite negli Stati Uniti, noi continueremo ad applicare le nostre leggi e a difendere i nostri confini. Alcuni repubblicani hanno letto l’appello di Harris come una conferma e una continuità della linea di Donald Trump. (Corriere del Ticino)

MIGRANTI/ Kamala Harris fa come Trump e spiazza la (sua) sinistra Usa

Una sostanza che Kamala Harris deve ancora dimostrare di possedere Lo scorso novembre, Biden parlò di "accoglienza e integrazione degli immigrati e rifugiati nelle nostre comunità", mentre – ai tempi delle primarie democratiche – Kamala Harris era tra i candidati che si battevano per depenalizzare il reato di immigrazione clandestina. (Panorama)

All'argomentazione di Ocasio-Cortez sulla legalità, diverse di queste aggiungono la questione della tutela della salute e dell'incolumità dei migranti, piuttosto che la dissuasione fine a sé stessa (Ticinonline)

Kamala Harris è figlia di migranti negli Stati Uniti, così come il ministro dell’Immigrazione danese è figlio di un immigrato etiope. È l’invito ai migranti di Kamala Harris, vicepresidente degli Stati Uniti, durante la sua visita in Guatemala, la prima in uno Stato estero dalla sua elezione. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr