Sanremo, Pillon contro Drusilla Foer: «Non si potrebbe chiamare sul palco un normale papà?»

Sanremo, Pillon contro Drusilla Foer: «Non si potrebbe chiamare sul palco un normale papà?»
Corriere della Sera CULTURA E SPETTACOLO

di Redazione Spettacoli. Il senatore leghista contro la scelta dell’influencer e soubrette come co-conduttrice al Festival, da lui definito «sempre più LGBT.

Con queste parole, il senatore della Lega Simone Pillon si è espresso contro la scelta di Amadeus di avere Drusilla Foer, nome d’arte di Gianluca Gori, tra le cinque co-conduttrici del Festival.

Sarebbe un bel segnale, se non altro a tutela delle specie a rischio estinzione televisiva»

Un attacco su cui in molti avrebbero scommesso, arrivato come consueto attraverso i social, su cui il politico ha scritto: «Com’era ampiamente prevedibile, al festival di Sanremo sempre più LGBT è stata assegnata la quota gender-inclusive già nella fase di scelta dei conduttori. (Corriere della Sera)

Su altri media

Poi aggiunge: "Una domanda: ma sempre in rispetto delle quote, non si potrebbe avere tra i co-presentatori un normale papà (uno eh, non due), e magari di ispirazione conservatrice? Per la spiegazione interviene un altro internauta: "Non è un papà conservatore (Adnkronos)

In questi giorni Amadeus ha svelato al pubblico quali saranno le novità di Sanremo 2022. Il colpo di scena però è dietro l’angolo e la sensazione è quella che Simona Ventura sarà presente in altre vesti. (BlogLive.it)

Per l'occasione Cremonini, che ha appena pubblicato il singolo Colibrì, il brano di lancio del nuovo album in uscita il 25 febbraio intitolato La ragazza del futuro e in attesa del tour Cremonini Stadi 2022 inarrivo questa estate, si esibirà in una performance definita 'inedita' che celebrerà la sua lunga carriera. (La Repubblica)

Ecco chi è Maria Chiara Giannetta, da Don Matteo a Blanca. E ora il Festival di Sanremo

Gli esordi. Maria Chiara Giannetta è una delle cinque donne che accompagneranno Amadeus a Sanremo, reduce dal successo di Blanca, la fiction su Rai1 in cui interpretava una non vedente, è uno dei volti nuovi della tv italiana. (Corriere della Sera)

Laureata in Lettere e Filosofia, ha all’attivo anche un’esperienza musicale: ha partecipato al video del singolo Sembro matto di Max Pezzali per la regia di regia di Cosimo Alema. La rivedremo nella tredicesima stagione, la prima senza Terence Hill e con Raoul Bova nei panni di Don Massimo, a primavera (Gazzetta del Sud)

E' l'affondo del senatore leghista Simone Pillon contro la presenza nel cast di Drusilla Foer, il personaggio della nobildonna toscana, ironica e sprezzante, alter ego di Gianluca Gori. "Una domanda: ma sempre in rispetto delle quote, non si potrebbe avere tra i co-presentatori un normale papà (uno eh, non due), e magari di ispirazione conservatrice? (Ansa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr