Buttava i vaccini nel cestino per far ottenere il Green Pass senza somministrazione: arrestato infermiere

Buttava i vaccini nel cestino per far ottenere il Green Pass senza somministrazione: arrestato infermiere
Zerottouno News INTERNO

Per ottenere l’indebito rilascio del Green pass 50 persone ora devono rispondere dei reati di corruzione, falso ideologico e peculato.

I poliziotti durante l’operazione hanno eseguito diverse perquisizioni e il sequestro di 18 mila euro per i profitti illeciti realizzati e dei certificati indebitamente rilasciati

L’indagine della Squadra mobile di Ancona che ha interessato diverse province, ha consentito di scoprire un sistema corruttivo che consentiva, a chi non voleva vaccinarsi, di ottenere comunque il rilascio dell’attestazione. (Zerottouno News)

Su altri giornali

In seguito, sempre secondo la difesa, ha “avuto un black-out”. Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella! (Livesicilia.it)

Stamattina, in carcere ad Ancona, affiancato dalla propria legale, avv. “E’ dimostrato – fa sapere ancora la difesa dell’infermiere – che quando un medico, il dott. (Metropolis)

Luchetti ha risposto, fa sapere il difensore, per "chiarire la propria posizione nella vicenda"; ha riferito di aver "ceduto alle pressioni ricevute da coloro i quali hanno messo in piedi questo meccanismo, sicuramente spinto da perduranti problemi economici; ma ha anche inteso evidenziare come lui, costretto in custodia cautelare sia invece solo un anello della catena e non certo l'organizzatore" (Picchio News)

Vaccini bluff, l'infermiere confessa «Sono pentito, ho ricevuto pressioni Gli organizzatori sono altri»

Ai domiciliari quattro soggetti ritenuti intermediari nel rilascio indebito del Green pass. Per 45 persone disposto l'obbligo di dimora nel comune di residenza e dell'obbligo di presentazione alla polizia. (La Repubblica)

Vaccini falsi, l'infermiere infedele si difende: «Ho ceduto alle pressioni: sono solo l'anello di una catena, ma me ne pento». Sono gli stralci del dialogo avvenuto all’interno dell’hub del Paolinelli tra l’infermiere Emanuele Luchetti e il medico odontoiatra Carlo Miglietta. (corriereadriatico.it)

Vaccini bluff, l’infermiere confessa. «Sono pentito, ho ricevuto pressioni. Gli organizzatori sono altri». MAXI INCHIESTA - Emanuele Luchetti nel corso dell'interrogatorio di garanzia ha detto di essere solo un anello della catena. (Cronache Maceratesi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr