Paolo Pietrangeli, voce resistente | il manifesto

Paolo Pietrangeli, voce resistente | il manifesto
Il Manifesto CULTURA E SPETTACOLO

In tutte le musiche che hanno avuto, hanno o avranno anche in un futuro una qualche attinenza con il concetto di «popolo», dunque le musiche «popolari», una cosa è essenziale, e da non confondersi con la banalità della presenza ossessiva mediatica: il concetto di «divulgazione».

Perché, come ha detto Robert Wyatt, angelo comunista inchiodato su una sedia a rotelle, nella vita bisogna avere il coraggio di

Bisogna saper lasciare segni che diventano patrimonio comune. (Il Manifesto)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Compagni, dai campi e dalle officine prendete la falce, portate il martello, scendete giù in piazza, picchiate con quello, recita la canzone che lo rese celebre nel '68. Scritta in endecasillabi, è perfetta per quando si cammina” (La Repubblica)

Il suo ultimo disco è del 2015, registrato insieme alla pianista jazz Rita Marcotulli, e si intitola Paolo e Rita Addio a Paolo Pietrangeli, cantautore, regista e voce della canzone politica e di protesta. (La Repubblica)

L’uomo si è spento all’età di 76 anni. Resta sempre aggiornato su Amici 21. (Napoli.zon)

Addio Pietrangeli cantore folk. La sua "Contessa" un inno all'odio

Adesso che ci guarda dall’altra parte, tutti noi possiamo dirgli solo: “Io ti voglio bene, avanti, avanti, con te o senza di te”. Senza di te perché non ci sei, con (Il Manifesto)

Gli studenti di sinistra occuparono l’Università, al funerale di Paolo accorsero decine di migliaia di persone, insieme a Nenni, a Parri, a Ingrao. Prigioniero, e pieno di rabbia, in quella primavera del 1966, Paolo prese la penna e scrisse “Contessa”. (Il Riformista)

Parole dure, parole di battaglia che infuocarono gli studenti rivoluzionari del '69 e il movimento di lotta operaio. Figlio d'arte (il papà è il regista Antonio Pietrangeli), già nel 1961 è attivo nella musica popolare militando nel Nuovo Canzoniere Italiano con brani folk e della tradizione popolare italiana. (il Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr