Torino choc, ragazzo di 25 anni trovato morto in casa: «Decapitato nella sua camera da letto»

Torino choc, ragazzo di 25 anni trovato morto in casa: «Decapitato nella sua camera da letto»
Per saperne di più:
leggo.it INTERNO

A scoprire il cadavere è stato il suo coinquilino e connazionale del Bangladesh, che ha chiamato la polizia: stando a quanto appreso dall'ANSA, in questura sono state ascoltate diverse persone, tra cui altri connazionali di Mohammad e lo stesso coinquilino.

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Giugno 2021, 17:04

Gli inquirenti non escludo nessuna pista, neanche quella della rapina finita male.

Un ragazzo di 25 anni, Mohammad Ibrahim, è stato ucciso nella notte nel suo appartamento a Torino: il giovane è stato trovato decapitato nella sua camera da letto. (leggo.it)

La notizia riportata su altre testate

Gli aggiornamenti sono andati a toccare ogni reparto della moto, dal motore alla ciclistica passando per un comparto elettronico aggiornato. Adnkronos. MV Agusta ha presentato la nuova Brutale 1000 RR, che presenta un motore ancora più corposo da 208 CV, una dotazione più ricca ed una ciclistica ancora più efficace. (Yahoo Notizie)

Si tratta di un suo connazionale quasi trentenne, fermato dalla polizia quando è sceso da un treno proveniente dalle Valle di Susa. L'accanimento sul corpo, ipotizzano gli investigatori, per simboleggiare il massimo disprezzo nei confronti della vittima (La Stampa)

La vittima avrebbe speso il denaro - qualche migliaio di euro - che il killer gli aveva consegnato in cambio di una promessa di matrimonio non mantenuta. Lo ha ammesso l'assassino, Mohammed Mostafa, 24 anni, connazionale della vittima, fermato stamattina alla stazione di Porta Nuova. (TorinOggi.it)

'Quanto sangue quando l'ho decapitato!'/ Omicidio Torino, il killer: 'Sono sconvolto'

Dennis Bellonio Tra le motivazioni che hanno spinto il bengalese, di poco più grande della vittima, a sgozzare il 25enne con un coltello da macellaio potrebbe esserci anche un debito non saldato. (http://gazzettadalba.it/)

L’accanimento sul corpo, ipotizzano gli investigatori, per simboleggiare il massimo disprezzo nei confronti della vittima Pubblicità Pubblicità. (la VOCE del TRENTINO)

Frasi che Mostafa ha pronunciato di fronte ai pubblici ministeri Marco Sanini e Valentina Sellaroli e ritenute, di fatto, una vera e propria confessione indiretta. Alla base dell’omicidio di Torino che ha portato alla morte di Mohamed Ibrahim, 25enne la cui dolce metà l’avrebbe peraltro presto reso padre, vi sarebbe una questione di natura economica. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr