#FLASH# AFGHANISTAN: DRAGHI, AGIRE CONTRO SPACCIO DROGA, FONTE FINANZIAMENTO TERRORE

Per saperne di più:
LaPresse ESTERI

Roma, 12 ott. (LaPresse) - (LaPresse)

La notizia riportata su altri giornali

Martedì 12 ottobre, nell’ambito della Presidenza italiana del G20 e su iniziativa del Presidente del Consiglio Mario Draghi, si svolgerà la riunione straordinaria dei leader del G20 sull’Afghanistan. Al termine del Vertice, il Presidente Draghi terrà una conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio (Governo)

L'appuntamento è per oggi, con il G20 da remoto convocato dal premier italiano Mario Draghi, che tiene molto a questo appuntamento i cui obiettivi sono evitare la catastrofe umanitaria ed evitare che l'Afghanistan torni un santuario del terrorismo. (ilGiornale.it)

Non è in programma che i leader discutano la questione del riconoscimento del regime talebano, le cui promesse iniziali in termini di tutela dei diritti umani e soprattutto di quelli delle donne sono stati finora tragicamente sconfessate nella pratica. (AGI - Agenzia Italia)

Afghanistan: Biden, leader G20 impegnati in assistenza umanitaria

La rapidità con cui i Talebani sono arrivati al potere e con cui è crollata la Repubblica islamica hanno aggravato la vulnerabilità di un sistema già molto fragile, dipendente dalle risorse esterne. Presa alla sprovvista, la comunità internazionale cerca una postura comune e, anche nel G20 straordinario, affronta un dilemma: come sostenere la popolazione senza legittimare il governo dei Talebani? (ISPI)

Haroon, a capo della polizia locale, ribadisce che "l'Isis K è il vero nemico degli afghani, non solo degli sciiti, ma di tutti i musulmani". uel che rimane dei corpi viene sepolto in un cimitero non lontano dalla moschea sciita di Said Abad, a Kunduz, la principale città del nord est dell'Afghanistan. (la Repubblica)

Torino, 12 ott. (LaPresse) – I leader del G20, che oggi si sono incontrati per un summit straordinario sull’Afghanistan, hanno “riaffermato il loro impegno collettivo a fornire assistenza umanitaria direttamente al popolo afghano attraverso organizzazioni internazionali indipendenti e a promuovere i diritti umani fondamentali per tutti gli afghani, comprese donne, ragazze e membri di gruppi minoritari”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr