Brunetta: "Con la fine dello smart working il Pil salirà oltre il 6 per cento"

IL GIORNO ECONOMIA

Secondo Brunetta, "avremo tutto il potenziale di crescita, di lavoro, di mobilità a partire da venerdì della prossima settimana.

Consumi vuol dire reddito.

Lo ha detto il ministro per la pubbica amministrazione, Renato Brunetta al meeting "Quali strategie per valorizzare il patrimonio enogastronomico italiano?

C'e' per Brunetta "un ritorno alla normalità o ad una nuova normalità.

Ecco perché nell'ultimo trimestre 2021 ci aspettiamo un boom oltre il 6 per cento

(IL GIORNO)

La notizia riportata su altri giornali

Sarà consentito, in caso di malfunzionamento di tali soluzioni, l'utilizzo dell'applicazione "VerificaC19", disponibile gratuitamente sulle principali piattaforme per la distribuzione delle applicazioni sui dispositivi mobili. (America Oggi)

(askanews) – Il rientro in presenza al lavoro porterà ad un impulso dei consumi nelle città che fa pensare ad un ultimo trimestre di quest’anno “boom” e quindi il Pil 2021 “molto probabilmente non sarà il 6% ma sarà di più: 6,2%, 6,3%”. (askanews)

Brunetta: “Con il ritorno in presenza nella Pa ci aspettiamo boom del Pil, oltre il 6% negli ultimi tre mesi del 2021” Di. “Venerdì prossimo sarà il D-Day con il green pass per tutto il mondo del lavoro e il ritorno in presenza di tutta la pubblica amministrazione dopo lo smart working”, osserva Brunetta. (Orizzonte Scuola)

Vuole dire reddito, molto probabilmente nell’ultimo trimestre avremo un vero boom e la crescita sarà superiore al 6% ROMA – Il premier Draghi ha firmato le linee guida per il rientro in ufficio della pubblica amministrazione dal prossimo 15 ottobre. (News Mondo)

Quindi è molto probabile che il 2022, partendo da questa eredità positiva di reddito e di consumi del 2021, dia una sorpresa positiva di crescita attrno al 5% e non al 4,5% che si prevede”.“Il che vuol dire un +11 % che fa due punti in più di quello che abbiamo perso nell’anno della pandemia” ha sottolineato Brunetta (Agenzia askanews)

Il Pil 2021 Il Pil 2021, continua ancora il Ministro Brunetta, potrebbe superare le stime della Nadef attestandosi al 6,2% o 6,3%, inoltre l'effetto "trascinamento" di quest'anno sul 2022 avrà un impatto positivo con un possibile rialzo della previsione attorno al 5%: sul biennio si tratterà di un incremento del pil di circa l'11%. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr