Polemiche sulla Rai dopo la denuncia di Fedez al concertone. Salini nega la censura. Scontro fra i partiti

Polemiche sulla Rai dopo la denuncia di Fedez al concertone. Salini nega la censura. Scontro fra i partiti
TG La7 INTERNO

politica. Sul Ddl Zan contro l'omofobia "mi volevano censurare per gli attacchi alla Lega" dice il rapper che mette in rete una telefonata con i vertici dell'azienda pubblica.

Con lui Pd e M5s.

Salvini: "Basta dirigenti di sinistra nella tv di Stato"

(TG La7)

Su altre testate

I dirigenti RAI hanno invitato Fedez ad “adeguarsi al sistema”, ma se il sistema di cui parlano è quello che non permette di parlare di diritti, allora non è un sistema degno di esistere nel nostro paese”. (ravennanotizie.it)

Anche Vittorio Feltri ha voluto dire la sua in merito al monologo di Fedez nel corso del "concertone" del primo maggio. Il direttore di Libero ha così scritto su Twitter: "Secondo me Fedez ha il diritto di dire ciò che vuole. (AreaNapoli.it)

Stampa. Il caso Fedez, ovvero le polemiche sulla libertà di espressione al concertone del Primo Maggio in Rai sollevate dal cantante-influencer, nonché marito dell’imprenditrice Chiara Ferragni, hanno reazioni anche in Campania. (Salernonotizie.it)

"Fedez fa Fedez, tu Rai devi essere all'altezza". Minoli la vede così

L’intervento di Fedez sul palco del Primo Maggio. Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da FEDEZ (@fedez). Un’occasione per riflettere sui diritti civili. In particolare, sono molti nel mondo dello spettacolo a condividere le parole del rapper. (SoloDonna)

Testo che sta suscitando polemichie che coinvolgono la gestione Rai e hanno rilanciato la famosa frase. Nel mirino di Fedez anche l’ex consigliere regionale leghista Giovanni De Paoli cui era stata attribuita questa frase. (Levante News)

Non ho visto un piano industriale né editoriale: a cosa serve la Rai, cosa deve fare, organizzata come. “Fedez fa parte del mondo dello spettacolo, se lo si coinvolge lui fa Fedez. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr