Fasano non dimentica la strage di Capaci

Fasano non dimentica la strage di Capaci
OsservatorioOggi OsservatorioOggi (Interno)

Donne e uomini che hanno reso straordinario il loro ordinario impegno mostrando un'etica del dovere che richiama uno dei più grandi insegnamenti che ci ha lasciato Giovanni Falcone ”.

Fasano - Sabato 23 maggio ricorre l'anniversario della strage di Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro

Su altri giornali

Un testo intriso di parole che ricordano la vita di sorella e fratello vissuta insieme e che raccontano anche come sono stati vissuti questi lunghi anni senza la presenza dell’amabile e valente caposcorta Antonio Montinaro (LeccePrima)

Hanno suscitato volontà di giustizia e legalità Dopo 28 anni, della morte di Falcone conosciamo la verità giudiziaria, non i mandanti occulti. Durante la mattina sarà celebrata una messa nella chiesa di San Domenico,dove è sepolto Falcone, e alle 17.58 - ora della strage - un minuto di silenzio davanti all'albero Falcone, in via Notarbartolo. (Rai News)

A noi tocca tenere il punto ogni giorno e fare sì che mai, mai ritorni quel consenso nei loro confronti". Serve essere consapevoli che, abbia la coppola o la cravatta, la mafia cerca sempre affari. (QUOTIDIANO.NET)

"I mafiosi, nel progettare l'assassinio dei due magistrati - ha detto ancora Mattarella - non avevano previsto un aspetto decisivo: quel che avrebbe provocato nella società. (QUOTIDIANO.NET)

Ed è a chi ha lavorato con coraggio per tutti noi che dedichiamo quest'anno le commemorazioni organizzate per il 23 maggio». La sua religione era il dovere» e ha rivelato che il giudice Falcone portava sempre con sé nel portafogli una frase del Presidente Kennedy, che ci ricorda di fare il proprio dovere a ogni costo, perché è questa l'essenza della dignità umana. (Radio Monte Carlo)

A pochi giorni del 28esimo anniversario della strage di Capaci si susseguono i momenti di riflessione per ricordare le vittime dell'attentato in cui il 23 maggio 1992 morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti