Cesarano (Intermonte Sim): tech e utility favoriti dai bassi tassi di interesse

Milano Finanza ECONOMIA

Secondo la presidente della Bce, Christine Lagarde, le politiche monetarie di Bce e Fed sono sfasate nel breve termine, considerando gli Usa già in fase post-pandemica.

"Tassi più bassi a lungo/lunghissimo termine si sposano bene con alcuni settori come il tech ma anche le utilities, grazie al minor impatto negativo sul servizio del debito

Una visione sulla situazione in atto è stata data, tra gli altri, da Antonio Cesarano, chief global strategist di Intermonte sim. (Milano Finanza)

Ne parlano anche altri media

Ecco perché, secondo Ray Dalio, La Fed potrebbe alzare i tassi d’interesse prima del previsto. La curva dei rendimenti, ha spiegato Ray Dalio, si è appiattita violentemente. Un altro aspetto sottolineato da Ray Dalio è il fatto che il deficit degli Stati Uniti destinato ad aumentare. (InvestireOggi.it)

In rialzo, infine, il prezzo del petrolio: il future agosto sul Wti sale dell'1,3% a 72,2 dollari al barile, mentre l'analoga consegna sul Brent sale dello 0,9% a 74,2 dollari Protagonista Stellantis (+3,4%) seguendo il trend del comparto a livello europeo, seguita da Prysmian (+2,8%) grazie a un maxi-contratto negli Usa. (Il Sole 24 ORE)

(LaPresse/AP) – L’economia sta crescendo a un ritmo sostenuto e questo ha accelerato l’inflazione, afferma il presidente della Federal Reserve Jerome Powell in una testimonianza scritta che sarà consegnata martedì a un’udienza di supervisione del Congresso (LaPresse)

2' di lettura. Il meeting della Fed di mercoledì scorso ha lasciato il segno sui mercati finanziari. Tra i listini azionari internazionali solo Zurigo, Seul e il Giappone hanno chiuso sulla parità. (Il Sole 24 ORE)

Di Alessandro Albano. Investing.com - , che ora prevede fino a due aumenti dei tassi nel 2023, gli operatori hanno girato lo sguardo verso la Banca Centrale Europea per capire se il segnale hawkish lanciato dal Marriner S.Eccles Building verrà ascoltato anche a Francoforte. (Investing.com)

Bene anche Stellantis (+2,31%) grazie a un settore auto in evidenza in tutta Europa, mentre lo stacco della cedola pesa su Snam, Terna e Poste Italiane. Tra i titoli milanesi a maggiore capitalizzazione, Prysmian (+1,96%) approfitta della nuova maxi commessa da 900 milioni di dollari negli Stati Unitit. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr