Incidente sul Garda, tedesco è libero: non più ai domiciliari

Approfondimenti:
Sky Tg24 INTERNO

(IL VIDEO DA UNA CASA). La vicenda. Kassen lo scorso 21 marzo è stato condannato a quattro anni e sei mesi, il suo connazionale a due anni e undici mesi.

Non riesco comunque a perdonare, io sono morto dentro”, ha commentato l’uomo

Il padre della vittima: “Non c’è condanna che tenga”. “Non mi cambia nulla sapere se è ai domiciliari o libero – ha dichiarato Enzo Garzarella, padre del ragazzo deceduto – davanti alla morte di un figlio non c’è condanna che tenga. (Sky Tg24 )

Se ne è parlato anche su altri media

I due giovani erano morti per il violento schianto e il colpevole, un tedesco di 52 anni era stato condannato a quattro anni e sei mesi, il connazionale con cui guidava il messo, invece, a due anni e undici mesi. (ilGiornale.it)

Patrick Kassen, il turista tedesco che insieme al connazionale Christian Teismann, il 19 giugno 2021 era sul motoscafo Riva finito addosso al gozzo su cui si trovavano Umberto Garzarella e Greta Nedrotti, morti per lo schianto, è un uomo libero, non più ai domiciliari. (Alto Adige)

Patrick Kassen, il turista tedesco che insieme al connazionale Christian Teismann, il 19 giugno 2021 era sul motoscafo Riva finito addosso al gozzo su cui si trovavano Umberto Garzarella e Greta Nedrotti, morti per lo schianto, è un uomo libero. (Il Fatto Quotidiano)

Libero il turista tedesco che uccise i fidanzati sul Garda, il dolore del padre di Umberto: "Non ha mai chiesto scusa, ora può anche andare in vacanza"

A cura di Giorgia Venturini. Torna libero Patrick Kassen, l'uomo che la notte del 19 giugno 2021 era alla guida del motoscafo che ha investito e ucciso nel lago di Garda la 25enne Greta Nedrotti e il 36enne Umberto Garzarella. (Fanpage.it)

Patrick Kassen, il turista tedesco che insieme al connazionale Christian Teismann, il 19 giugno 2021 era sul motoscafo Riva finito addosso al gozzo su cui si trovavano Umberto Garzarella e Greta Nedrotti, morti per lo schianto, è un uomo libero, non più ai domiciliari. (Trentino)

Libero il turista tedesco che uccise i fidanzati sul Garda, il dolore del padre di Umberto: "Non ha mai chiesto scusa, ora può anche andare in vacanza" di Manuela Messina. Il padre di Umberto Garzarella in tribunale a Brescia il giorno della sentenza. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr