LEGO lancia la campagna “Ready for Girls”

LEGO lancia la campagna “Ready for Girls”
Tom's Hardware Italia CULTURA E SPETTACOLO

“Sappiamo anche che mostrare alle ragazze attività uniche e non stereotipate può portare a un punto di vista più ampio di possibilità e opportunità future“.

Il ruolo dell’attività ludica LEGO. LEGO crede nel valore dell’apprendimento ludico e che lo sviluppo delle competenze del 21° secolo attraverso il gioco LEGO sia ugualmente rilevante per tutti i bambini

‘Ready for Girls’. I risultati della ricerca mostrano che le ragazze si sentono pronte ad affrontare il mondo ma, al contrario, la società non lo è nel sostenere la loro crescita attraverso l’apprendimento ludico. (Tom's Hardware Italia)

La notizia riportata su altri media

La ricerca condotta dal Geena Davis Institute on Gender in Media ha scoperto, infatti, che mentre le bambine sono sicure di sé e pronte a giocare anche con le confezioni di mattoncini pensate per i maschi, il 71% dei bambini intervistati ha confessato di temere di essere presi in giro qualora avessero utilizzato scatole descritte come "giocattoli per ragazze". (Ansa)

Inoltre, il Gruppo LEGO ha realizzato dei cortometraggi che celebrano le aspirazioni e le idee imprenditoriali di giovani donne degli Emirati Arabi Uniti, degli Stati Uniti e del Giappone: ognuna delle quali sta già ricostruendo il mondo attraverso la creatività. (Lega Nerd)

– La Lego ha annunciato che eliminerà dai suoi giocattoli gli “stereotipi di genere” dopo che un sondaggio commissionato dallo stesso gigante danese delle costruzioni per bambini ha rilevato un problema nei ragazzi. (Imola Oggi)

La Lego non metterà più etichette di genere sui giocattoli: "Alimentano gli stereotipi"

La Lego annuncia, niente più etichette di genere sui giocattoli. Il 71% dei ragazzi intervistati teme infatti di essere preso in giro se sorpreso a giocare con i set di costruzioni descritti come «giocattoli per ragazze» sulla confezione — una paura condivisa anche dai genitori. (Il Primato Nazionale)

Lego contro gli stereotipi di genere: via le etichette ''da bambino'' o ''da bambina''. Julia Goldin, chief product and marketing officer del gruppo Lego ha concluso spiegando al Guardina che ''Lego non etichetterà più nessuno dei suoi prodotti "per ragazze" o "per ragazzi". (il Dolomiti)

La Lego non metterà più etichette di genere sui giocattoli: "Alimentano gli stereotipi" di Natasha Caragnano. (Reuters). La ricerca del Geena Davis Institute, commissionata dall'azienda danese, conferma la necessità di un'industria di giocatolli più inclusiva. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr