Covid Romagna, il primario Gamberini: "Nessuno in terapia intensiva con la terza dose"

Covid Romagna, il primario Gamberini: Nessuno in terapia intensiva con la terza dose
Corriere Romagna SALUTE

Il risultato, continua il primario, è che «si crea una situazione di tensione molto pesante, che riusciamo a gestire ma complica tutto».

Ecco, per questi ultimi, «quando la situazione è ormai compromessa, è davvero difficile da affrontare da parte nostra»

«Con la terza dose di vaccino, in questo momento, nessuno è ricoverato in Terapia intensiva: un dato che credo faccia capire bene l’importanza del booster». (Corriere Romagna)

La notizia riportata su altri giornali

"Con la terza dose di vaccino, in questo momento, nessuno è ricoverato in Terapia intensiva: un dato che credo faccia capire bene l'importanza del bootser". A spiegarlo al Corriere Romagna è il primario dell'ospedale Infermi di Rimini, Emiliano Gamberini, che dirige il reparto di Anestesia e rianimazione (AltaRimini)

Lo ha affermato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. Immaginare quando sarà il picco nazionale è impossibile dirlo perché potrà vedere situazioni regionali completamente diverse (Quotidiano online)

La media nazionale è del 49%, oltre il 100% solo l’Emilia Romagna (129%), la provincia di Bolzano (145,8%) e la Sicilia (128,5%). n Liguria ci sono 1.259 casi attualmente positivi ogni 100mila abitanti, con una variazione percentuale rispetto alla settimana precedente del 208,7%. (IVG.it)

L'impennata dei contagi, Romagna maglia nera in Italia: solo Rimini fa peggio di Forlì-Cesena

"Nella settimana 5-11 gennaio - riporta il documento - c'è stato un aumento del 49% dei nuovi casi con incidenza che in 56 province supera i 2.000 per 100mila abitanti" Zona rossa e arancione: le regioni a rischio. (CataniaToday)

Lo ha certificato la fondazione Gimbe che dall'inizio della pandemia segue l'andamento dei contagi e della campagna vaccinale nelle regioni italiane. Aumentano ancora in modo esponenziale i casi di Covid in Abruzzo, e la pressione sugli ospedali sta per raggiungere i parametri da zona arancione. (IlPescara)

Analizza il presidente della Fondazione Gimbe: "Ci troviamo in una fase estremamente critica della pandemia, in cui distorte narrative ottimistiche appannano l'insufficienza delle misure per rallentare la curva dei contagi e sottovalutano i rischi per la salute delle persone e per l'economia del paese. (ForlìToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr